Chiudi
 Serie 08

Lettere 03


8.3 (66)

1593 gen. 17-1625 nov. 28

Lettere e carteggio

cassetta di cartone moderna contenente cc. sciolte

1) Lettere e carteggio (1593 gen. 17-1599 dic. 31)

fasc. contenente docc. 1-127

1.

Minuta della delibera dell’Arca (1593 gen. 17)

2.

Lettera di Francesco Bonfigli da Gualdo Tadino, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Pietro Capulli come predicatore per la quaresima successiva al posto di padre Alessandro Garoni (1593 feb. 14 [ricevuta il 1593 feb. 15])

sigillo di cera impresso

3.

«Supplica del reverendo padre maestro predicatore [Pietro] Capulli regente di Rimini» ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina [ricevuta il 1593 apr. 22]

4.

Elenco degli argenti consegnati dai padri sagrestani al presidente cassiere in carica (1593 mag. 26-1595 dic. 4)

5.

Supplica di padre Bartolomeo Ratti ai presidenti dell’Arca per suonare l’organetto [ricevuta il 1593 giu. 9]

6.

«Littera al padre generale [Filippo Gesualdi da Castrovillari] per predicatore» sulla nomina di padre Giulio Giumelli da Montagnana per la quaresima (1593 giu. 11)

7.

Minuta della lettera dei presidenti dell’Arca al ministro generale per la nomina di padre Giulio Giumelli da Montagnana come predicatore per la quaresima successiva [post 1593 giu. 11], riscontri puntuali a cc. 157-157v del reg. 2.9 (10)

8.

Lettera di fra Cornelio Giordano e di fra Paolo, sagrestani, ai presidenti dell’Arca per rendere più sicure le portelle del ciborio del tabernacolo che custodisce il Santissimo Sacramento [ricevuta il 1593 lug. 28]

9.

Nota per le modalità con le quali il predicatore deve pronunciare le prediche [ricevuta il 1593 ott. 5]

10.

Lettera di Vincenzo Colonna ai presidenti dell’Arca per l’impossibilità di venire a Padova per malattia (1593 ott. 20)

11.

Minuta della delibera per l’approvazione dell’aumento del salario a Marc’Antonio Corradino, cancelliere (1593 dic. 23)

12.

«Al reverendissimo padre generale», lettera dei presidenti dell’Arca a Filippo Gesualdi da Castrovillari, ministro generale, per la nomina di padre Cesare Lippi da Mordano come predicatore per la quaresima successiva (1593 dic. 31)

13.

Supplica di Silvestro Sartor, custode, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemo-sina [1593-1607]

14.

Lettera di Filippo Gesualdi da Castrovillari, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Cesare Lippi da Mordano come predicatore per la quaresima successiva (1594 gen. 12)

sigillo di cera impresso

15.

Lettera di Elena Giustinan a Gaspare da Ponte, presidente cassiere, perché compri un cavallo per il suo gastaldo (1594 giu. 10)

16.

Supplica di Gaspare Pasqualini, suonatore di trombone e di cornetto, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [ricevuta il 1594 giu. 17]

tracce di sigillo di cera aderente

17.

«Supplica del campanaro», Zuane Garbin, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [ricevuta il 1594 dic. 30]

18.

Supplica di Giacomo di Lorenzo, tagliapietra, ai presidenti dell’Arca per ottenere l’incarico di realizzare l’altare del Santo secondo il modello stabilito [1594]

19.

«1594 Capitoli della porta col tagliapietra [Giacomo Scapin]. In mazzo N° ***» [1594]

«Acciò non possi nascer controversia di sorte alcuna nel far della porta della chiesa verso tramontana, sì come in molte altre fatture è occorso et specialmente nelle figure di Titiano che doveva darle finite fino a santo Antonio prossimo passato; et non ha anchora sodisfatto a quanto era il debbitto suo: si fanno gli infrascritti capittoli da esser osservati inviolabilmente da quel mastro a cui toccarà far detta porta havendo carrico li molto reverendi padri et magnifici presidenti a ciò deputati di far observar il tutto et prima»: la vertenza con Tiziano Aspetti si trova in 8.11 (968).34, con aggiunte relative alla scelta di Giacomo Scapin, tagliapietra (1594 dic. 9-1594 dic. 10)

20.

Lettera di Antonio e Bartolomeo Fasolato, marangoni, che si offrono di fare una porta per la chiesa del Santo secondo il disegno del proto di San Marco di Venezia (1595 feb. 11)

21.

«Polizza di Batista Farinela» muratore, per la costruzione della porta della basilica di S. Antonio (1595 apr. 8)

tracce di sigillo di cera aderente

22.

«Parte et capitoli pertinenti a [Battista] Farinella muraro», minuta della delibera (1595 apr. 10)

23.

«Capitoli con li quali il muraro ha da metter in opera la porta di piedra istriana. Polizza et sicurtà» [ricevuta il 1595 apr. ***]

24.

Lettera dei presidenti dell’Arca per la realizzazione di una statua d’argento, minuta (1595 mag. 25)

25.

«Memoriale», lettera di padre Costanzo Porta, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca sullo stato della Cappella musicale, con particolare attenzione all’organico in difetto e alla manutenzione di alcuni strumenti (1595 nov. 1°)

26.

«1595, 2 novembre. Scrittura del Pellizza [Hercule Pelliccia da Carrara de Toschana]» per la realizzazione di cinque scalini (1595 ott. 9 [ricevuta il 1595 nov. 2])

27.

Lettera di Fabrizio Spinola, di Agostino, ai presidenti dell’Arca in cui invia per grazia ricevuta «la statua d’argento di valore de scuti vinticinque in più, in habito di fratte conventuale con un libro alla mano dritta et una rama di lilio alla mano sinistra, e si posa la figura sopra una base di l’ottone argentata di fora con l’arma Spinola intagliata» (1596 apr. 18)

28.

Lettera di Zuanne Rizzo, deputato della Comunità di Monselice, a Prosdocimo Fanton, fattore di città dell’Arca, per la questione dei confini tra l’Arca e la Comunità (1596 mag. 19)

sigillo di cera impresso

29.

Lettera di Zuanne Rizzo, deputato della Comunità di Monselice, a Prosdocimo Fanton, fattore di città dell’Arca, per la questione dei confini tra l’Arca e la Comunità (1596 mag. 20)

sigillo di cera impresso

30.

Lettera di padre Costanzo Porta, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca in cui manifesta la necessità di avere strumenti e voci per il secondo vespro della festa del santo e per la domenica infra ottava (1596 mag. 22)

31.

«Supplica per le Cittelle» ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina per la costruzione di un luogo idoneo per l’opera delle Zitelle «per mezo della quale si salvano le povere donzelle et fanciulle con il fior della virginità tanto a Dio grata» [ricevuta il 1596 mag. 22]

32.

Lettera di padre Costanzo Porta, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca sullo stato della Cappella musicale, con particolare attenzione all’organico in difetto e alla manutenzione di alcuni strumenti (1596 giu. 20)

33.

Lettera di padre Costanzo Porta, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca sullo stato della Cappella musicale, con particolare attenzione all’organico in difetto e alla manutenzione di alcuni strumenti (1597 gen. 6)

34.

Polizza di Girolamo falegname per la fornitura di piombo e di legname per le cupole (1597 gen. 22)

35.

Supplica di Baldissera Tibaldo, piombista e falegname, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario (1597 apr. 12)

36.

Polizza di Battista Grigolatto, falegname e piombista (1597 apr. 12)

sigillo di cera aderente

37.

Polizza di Gaspare Bergamo, falegname (1597 apr. 12)

sigillo di cera aderente

38.

Lettera dei deputati della Comunità di Monselice ai presidenti dell’Arca per la questione della definizione dei rispettivi confini (1597 apr. 15)

sigillo di cera impresso

39.

Supplica di Lorenzo Zechi, musico basso, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [ricevuta il 1597 apr. 15]

40.

Supplica di Simone Calcaneo, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina per poter conseguire il titolo di dottore in utroque iure ([1597] apr. 12) [ricevuta il 1597 apr. 15], riscontri puntuali a c. 60v del reg. 2.10 (11)

41.

Supplica di fra Felice da Pistoia, inquisitore generale di Padova, ai presidenti dell’Arca per far fare «un rastello di legno per la stanza di sotto della camera della Santa Inquisitione di Padova et una stantioletta, la quale è nella medesima camera, sia ridutta, che possa servire per archivio per buona et sicura conservatione delle scritture di questo Santo Officio» [ricevuta il 1597 apr. 15]

42.

Nota di Enea Conti, presidente, per sostituire Gaspare Borromeo nella prossima riunione del collegio di Presidenza (1597 mag. 15)

sigillo di cera impresso

43.

Lettera di Simone «Sotela dalla Porta» ai presidenti dell’Arca in cui invia un disegno (1597 mag. 21)

sigillo di cera impressa

44.

«Parte che non si possano prestare li razzi» di proprietà dell’Arca, minuta della delibera (1597 giu. 15)

45.

«Parte del magnifico signor presidente [Tiso da Camposanpiero] per l’infermeria e la forestaria», minuta della delibera (1597 giu. 16)

46.

«Seconda parte in proposito di forestaria e infermeria», minuta della delibera (1597 giu. 17)

47.

Supplica del padre inquisitore di Padova ai presidenti dell’Arca per ottenere il rimborso delle spese sostenute per sistemare le stanze del Santo Ufficio nel convento del Santo, con resoconto dettagliato dei lavori eseguiti (1597 lug. 16)

48.

Minuta della delibera per l’elezione di un presidente in sostituzione del defunto Girolamo da Ponte (1597 nov. 19)

49.

«A dì 20 dicembre 1597. Accordo con l’Angeli [Giulio] e Rampino Zuan [Giacomo], fittuali per far quadrelli, coppi e tavelle. Registrato il libro delle parti» [ricevuta il 1597 dic. 20]

50.

«Suplica di misser padre Mattio Repellini [figlio del q. Marc’Antonio] muraro» per un livello sopra campi 3 siti a Pernumia [ricevuta il 1597 dic. 29]

51.

«Polizza de maistro Baldissera Tibaldo [marangon et] piombista» [1597]

52.

«Scritto col magnifico Zacco [Alessandro]», affittuale per i lavori di manutenzione al Pizzon (1598 gen. 28)

53.

Minuta delle delibera presentata da Giovanni Battista Salvadego, presidente, «in materia delle fabbriche del convento» [ricevuta il 1598 gen. 28]

54.

Minuta della delibera dell’Arca (1598 feb. 19)

55.

«1598. Accordo per tellari con misser Marc’Antonio [Prestinari] scultor» (1598 feb. 11 [ricevuta il 1598 mar. 2])

56.

«1598 a dì 2 marzo. Accordo col Monterosso [Girolamo] per tellari» (1598 feb. 21 [ricevuta il 1598 mar. 2])

57.

«1598, 2 marzo. Offerta de misser Mattio de Berto», affittuale della possessione della Calà [ricevuta il 1598 mar. 2]

58.

Dichiarazione di Marc’Antonio Corradino, cancelliere, sulla mancata presa di decisione nella riunione del collegio di Presidenza circa la «deliberatione della magnifica città in matteria di trasportar la fiera franca al Prato della Valle» (1598 mar. 16)

59.

Dichiarazione di Marc’Antonio Corradino, cancelliere, sulla mancata presa di decisione nella riunione del collegio di Presidenza circa la «deliberatione della magnifica città in matteria di trasportar la fiera franca al Prato della Valle» (1598 mar. 17)

60.

«1598, 25 di marzo. Scritto con li faveri per le cadene et la sicurtà di misser Battista [fenestraro et chiodarolo alla Luna da Oderzo]» (1598 mar. 25)

61.

«1598 a dì 25 marzo. Accordo con li faveri per le cadene» (1598 mar. 25)

62.

«[Sicurtà di Battista, fenestraro et chiodarolo alla luna di Oderzo]» (1598 mar. 26)

63.

«16 aprile 1598. Scritto col Berto [Mattio] fittuale alla Calà» (1598 apr. 16)

64.

«24 aprile 1598. Parte Salvadega per intrometter il maestro di grammatica et provisione de’ frattini non presa», minuta (1598 apr. 24), riscontri puntuali a cc. 96v-97 del reg. 2.10 (11)

65.

Supplica di fra Francesco Dal Sole, musico contralto, ai presidenti dell’Arca per ottenere una gratifica economica [ricevuta il 1598 apr. 24]

66.

Polizza di Girolamo Riva, indoratore in Venezia in contrada di Santa Marina, per dorare 13 parapetti degli altari del Santo (1598 mag. 21)

67.

Supplica di Girolamo, falegname e piombista, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1598 mag. 27]

68.

Lettera di Filippo Gesualdi da Castrovillari, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Felice da Pistoia, inquisitore, come predicatore per la quaresima successiva (1598 mag. 27)

sigillo di cera impresso

69.

«Littera di Ierolimo Savella nella qual promette di pagar le spese» (1598 mag. 29)

tracce di sigillo di cera aderente

70.

Lettera di Vincenzo Minotto, podestà di Cavarzere, ai presidenti dell’Arca per i lavori all’argine del fiume Adige (1598 giu. 8)

sigillo di cera impresso

71.

«Capitoli con li quali debbono esser obligati quelli che prenderanno la rotta fatta dall’Adice nel loco del Pizzon della Veneranda Arca del glorioso sant’Antonio confessore» [ricevuta il 1598 giu. 10]

72.

Lettera di Vincenzo Minotto, podestà di Cavarzere, ai presidenti dell’Arca per i lavori all’argine del fiume Adige (1598 giu. 25)

sigillo di cera impresso

73.

Minuta della delibera dell’Arca (1598 giu. 25)

74.

Supplica di fra Francesco Gambarato, sagrestano, ai presidenti dell’Arca di poter restare nella stanza che attualmente occupa «nella camera di già cancelleria di questa Veneranda congregatione per esser vicina et comoda alla sagrestia» [ricevuta il 1598 dic. 31]

75.

«1598. Polizza del Rampin [Francisco]» (1598 ***)

76.

Supplica di Isabella, vedova di Francesco Dal Sole, musico contralto, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aiuto economico per il sostentamento della propria famiglia [ricevuta il 1599 mar. 3]

77.

Proposta di delibera di Giovanni Battista Salvadego per annullare la parte votata il 3 marzo passato nel collegio di Presidenza sulla diminuzione del salario di padre Marc’Antonio da Castel Bolognese, maestro di grammatica dei fratini [ricevuta il 1599 mag. 6]

78.

Lettera di Pietro Brazolo per essere sostituito da Roberto Papafava nella riunione del collegio di presidenza dell’Arca (1599 giu. 21)

79.

«Primo luglio 1599. Parte del magnifico cavalier [Roberto] Papafava nel proposito del Paradiso» (1599 lug. 1°)

80.

«Libertà che io [Marc’Antonio Corradino cancelliere] possa servir per sostituto. [Presa] de’ tutti li voti», minuta della delibera (1599 lug. 1°)

81.

«1599 a dì 5 novembre. Scritto per far arzeri com misser Antonio da Tribano» (1599 nov. 5)

82.

Lettera dei presidenti dell’Arca a Filippo Gesualdi da Castrovillari, ministro generale, per la nomina di padre Giulio Giumelli da Montagnana come predicatore per la quaresima successiva (1599 nov. 8)

83.

«17 dicembre 1599. Supplica frattini» ai presidenti dell’Arca per avere un po’ di carbone e di olio [ricevuta il 1599 dic. 17]

84.

«28 dicembre 1600 a Nativitate. Parte dell’illustrissimo signor cavalier Papafava [Roberto] nel proposito delle scritture et cancellaria con altre parti» (1599 dic. 28), riscontri puntuali a cc. 158-159v del reg. 2. 10 (11)

85.

«30 dicembre 1600 a Nativitate. Polizza del Berto [Matthio] affittual della valli et Calà» (1599 dic. 30)

86.

«31 dicembre 1600 a Nativitate. Farsi in scrittura sopra le camere paternali» (1599 dic. 31)

87.

Nota di Roberto Papafava, presidente, a Marc’Antonio Corradino, cancelliere dell’Arca, per scrivere una lettera [1599-1607]

tracce di sigillo di cera aderente

88.

Polizza di Augustino, scultore, «per chavar de burchio che era in Toresele un quadro de marmore tuto d’un pezo e chondurlo al Santo et meterlo in opera» [sec. XVI in.]

89.

«Diverse et varie suppliche da porgere al Dominio perho fatte et non prodotte per le cose de Anguillara in materia del danno patirà la Archa per conto del taglio del Gorzone» [metà sec. XVI]

90.

«Scrittura a diffesa della Veneranda Arca di Sant’Antonio fatta per l’eccellentis-simo misser Nicolò Villa scindico da esser prodotta alli clarissimi signori sopra li lochi inculti [metà sec. XVI]

91.

Supplica dell’Arca al doge di Venezia per essere esentati dai pagamenti sui beni in Anguillara [metà sec. XVI]

92.

Supplica dell’Arca al doge di Venezia per risolvere alcuni problemi finanziari connessi al pagamento delle tasse sui beni in Anguillara [metà sec. XVI]

93.

Supplica di Francesco Fusaro ai presidenti dell’Arca per ottenere il rimborso delle spese di viaggio sostenute per recarsi due volte in Germania [seconda metà sec. XVI]

94.

Lettera dei presidenti dell’Arca al conte Borso da Sambonifacio per un memoriale proveniente da Roma [sec. XVI ex.]

95.

«Aricordi da Anguilara», elenco dei lavori di manutenzione da farsi nei campi di proprietà dell’Arca in Anguillara [sec. XVI ex.]

96.

«Misser Giulio Radise sostituto all’organo», minuta della delibera (s.a. dic. 30 [sec. XVI ex.])

97.

«Polizza di Zuanne Baruffa per custode alla Veneranda Arca» [sec. XVI ex.]

foro di filza

98.

«Capitoli et ordinationi qual deve osservar li cantori salariati per li massari et gubernatori de l’Archa de misser sancto Antonio» [sec. XVI ex.]

99.

Relazione di fra Matteo Minoli degli affari sbrigati in Anguillara e Rovigo su commissione dei presidenti dell’Arca (*** ott. 25 [sec. XVI ex.])

100.

Segnalazione di riparazioni urgenti [sec. XVI ex.]

101.

Minuta di una lettera dei presidenti dell’Arca presumibilmente al pontefice per la richiesta dell’indulgenza plenaria per i fedeli che verranno al Santo il 13 giugno [sec. XVI ex.]

102.

«Sufragio […]»: appunto [sec. XVI ex.]

103.

«Informatio causę in prima instantia qui potest etiam servire pro secunda instancia coram excellentissimo referendario» [sec. XVI ex.]

104.

Supplica di Pasquino Vezoli ai presidenti dell’Arca per ottenere in livello una casa sita in contrada Rudena a Padova al prezzo di ducati 20 annui [sec. XVI ex.]

105.

Lettera di Girolamo Pironi ad Alessandro Bigolin per l’invio di alcune scritture processuali (*** dic. 15 [sec. XVI ex.])

tracce di sigillo di cera impresso

106.

Polizza di Zuan Domenico da Bassano, falegname, per una fornitura di legname per gli argini del fiume Adige [secc. XVI ex.-XVII in.]

107.

Albero generalogico della famiglia Mellato (da Alberto fidecommissario nel 1446) [secc. XVI ex.-XVII in.]

108.

Lettera dei presidenti della parte inferiore del Retratto del Gorzon per fare un’oblazione per i danni pretesi dall’Arca per i lavori di manutenzione nel canale della Pezza [secc. XVI ex.-XVII in.]

109.

«Scrittura dell’eccellentissimo [Nassimbene] Boschetto per la lite di Venetia» [secc. XVI ex.-XVII in.]

110.

Avviso a stampa circa le modalità per acquisire l’indulgenza plenaria concessa dal pontefice [sec. XVI]

111.

Supplica di Marino «Saracha», suonatore di trombone, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [sec. XVI]

112.

Supplica di «Borela» ai presidenti dell’Arca per ottenere il pagamento del lavoro svolto nel «desfare le armadure» [sec. XVI]

113.

Istanza dei conduttori del dazio di Piove di Sacco per far «conciar le case ad essi datiari» entro otto giorni [sec. XVI]

114.

«Quello deve haver maistro Antonio et maistro Hanibale tagliapier» [sec. XVI]

115.

Supplica di Francesco Lamberti, «depentore», ai presidenti dell’Arca per ottenere il pagamento per aver dipinto «ne la libraria di questo convento del Santo quattro arme de i quattro papi di questa religione» [sec. XVI]

116.

Supplica di Alessandro Zacco, affittuale, ai presidenti dell’Arca per dilazionare il pagamento del suo debito nei confronti dell’Arca [sec. XVI]

117.

Lettera di Girolamo Passera da Genova ai presidenti dell’Arca sui lavori di manutenzione agli argini del fiume Adige, previsti nel suo contratto di locazione di alcuni campi in Anguillara (*** ago. 23 [sec. XVI])

118.

Lettera di Girolamo Passera da Genova ai presidenti dell’Arca per la nomina di un perito per i danni causati dalle inondazioni al Pizzon nei campi a lui concessi in locazione (*** mag. 17 [sec. XVI])

119.

Relazione di un perito, non identificato, ai presidenti dell’Arca per i danni causati dalle inondazioni al Pizzon nei campi concessi in locazione a Girolamo Passera da Genova (*** mag. 17 [sec. XVI])

120.

«Intimatio diverse fate con misser Gielonimo Zenova» (post *** giu. 19 [sec. XVI])

121.

Minuta di una lettera dell’Arca ai Provedditori sopra i beni inculti per il taglio del Gorzon [sec. XVI]

122.

Lettera di Giuseppe Preto ai presidenti dell’Arca per i lavori di manutenzione nei campi a lui concessi in locazione [sec. XVI]

123.

«Per lo campanaro per la polizza de’ fra Stefano» [sec. XVI]

124.

Relazione sulla vertenza tra l’Arca e Aurelio Silvestri da Rovigo per alcuni campi dati in locazione a quest’ultimo [sec. XVI]

125.

Minuta della delibera per l’elezione dei presidenti dell’Arca con almeno quarant’anni d’età [sec. XVI]

126.

«Parte in proposito de signori massari da esser nominati», minuta della delibera per alcuni criteri d’elezione dei membri del collegio di Presidenza [sec. XVI]

127.

«Boliza de queli ano conzado l’organo» [sec. XVI]

2) Lettere e carteggio (1600 gen. 22-1610 mar. 25)

fasc. contenente docc. 1-149

1.

Lettera di fra Gregorio Arrigoni, presidente, al commissario provinciale affinché i presidenti secolari non interferiscano nelle competenze di quelli regolari per l’assegnazione delle camere nel convento (1600 gen. 22)

2.

«26 febraro 1600. In proposito di non darsi elemosina al padre predicatore», minuta della delibera (1600 feb. 26)

3.

Supplica di padre Cesare da Modena, pubblico metafisico, ai presidenti dell’Arca per sistemare la sua stanza [ricevuta il 1600 apr. 10]

4.

Lettera di Daniele Borromeo a Marc’Antonio Corradino, cancelliere, per relazio-narlo sull’andamento di alcuni affari dell’Arca in corso a Venezia (1600 mag. 10)

sigillo di cera impresso

5.

Lettera di padre Costanzo Porta, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca in cui lamenta l’assenza da più di due anni di contralti, di bassi e di tenori con l’elenco dei nominativi [ricevuta il 1600 mag. 11]

6.

Lettera di fra Girolamo Pallantieri, ai presidenti dell’Arca con l’elenco dei lavori da fare per sistemare la sua stanza [ricevuta il 1600 mag. 11]

7.

Supplica di padre Cesare da Modena, pubblico metafisico, ai presidenti dell’Arca per sistemare la sua stanza [ricevuta il 1600 mag. 12]

8.

Supplica di Nicoletto Taccone da Padova, novizio, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina per farsi una tonaca [ricevuta il 1600 mag. 12]

9.

«Relatione dell’illustrissimo cavalier [Roberto] Papafava» della sua visita al Pizzon [1600 mag. 26], riscontri puntuali a cc. 169v-171v del reg. 2.10 (11)

10.

Lettera di Nascimben Bertin a Prosdocimo Fanton, fattore di città, per avere alcune scritture «del Buzzacarini» dall’archivio (1600 mag. 30)

11.

Supplica di Francesco Rampino, affittuario, ai presidenti dell’Arca per rateizzare il pagamento del suo debito (1600 giu. 2)

12.

«Litera del reverendo padre Fallaguasta [Giovanni Battista]» (1600 giu. 9)

sigillo di cera impresso

13.

Lettera di Flaminio Carriero ai presidenti dell’Arca per l’invio di scritture proces-suali (1600 giu. 13)

14.

Supplica di fra Cornelio Giordano e fra Lorenzo Bellano, sagrestani, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina ([1600] giu. 17)

15.

Lettera ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina per la costruzione del campanile e per la dotazione di due campane alla chiesa di Santa Maria del Torresino di Padova [ricevuta il 1600 giu. 29]

16.

«Parte Pernumia in proposito di argenti et paramenti» (1600 ago. 17)

17.

Polizza di Girolamo Spadon ai presidenti dell’Arca per subentrare come falegname e piombista al posto del defunto Girolamo Monterosso [ricevuta il 1600 ago. 26]

18.

Polizza di Bernardino Cataldo ai presidenti dell’Arca per subentrare come falegname e piombista al posto del defunto Girolamo Monterosso [ricevuta il 1600 set. 22]

sigillo di cera impresso

19.

Polizza di Girolamo da Bassano ai presidenti dell’Arca per subentrare come falegname e piombista al posto del defunto Girolamo Monterosso [ricevuta il 1600 set. 22]

20.

Lettera di Girolamo da Bassano, falegname, ai presidenti dell’Arca per l’apprendistato di un suo garzone [post 1600 set. 22]

21.

«Capitoli del marangon et piombista» [ante 1600 nov. 17]

22.

Lettera di fra Vincenzo Coraducci a Marc’Antononio Corradino, cancelliere, per essere sostituito nella riunione del collegio di Presidenza (1600 nov. 24)

23.

Lettera di fra Gregorio Arrigoni a Marc’Antonio Corradino, cancelliere dell’Arca, per essere sostituito da padre Alvise Finardi o padre Lorenzo Bellano nella riunione del collegio di presidenza (1601 gen. 8)

sigillo di cera aderente

24.

Supplica di fra Loreno Bellano, sagrestano di anni 60, ai presidenti dell’Arca per far fare una piccola cucina attigua alla sua stanza [post 1601 gen. 8]

25.

Lettera del procuratore generale di San Domenico di Roma ai presidenti dell’Arca per la concessione di cantori appartenenti a quell’ordine religioso per la Cappella musicale del Santo (1601 gen. 20)

sigillo di cera impresso

26.

Supplica di fra Vincenzo Coraducci da Padova ai presidenti dell’Arca per far sistemare la camera del ministro generale [ante 1601 mar. 7], riscontri puntuali a c. 20 del reg. 2.11 (12)

27.

Lettera del cardinale di Firenze, capo della congregazione dei regolari, al vescovo di Padova perché «in alcune chiese di cotesta città de’ regolari et altre si celebrano in questo tempo di quaresima a certi giorni et particolarmente la Settimana Santa gli offitii con musiche di varii istromenti che hanno più tosto del lascivo che del divoto et servono di ridotto ai giovani con qualche scandalo» (1601 mar. 27)

28.

Minuta della delibera sul divieto da parte di ciascun membro della Presidenza di pagare «datio, gabella, bolletta» senza il consenso degli altri massari (1601 mag. 10)

29.

«19 giugno 1601. Denominatione del molto magnifico et eccellentissimo signor Sasso [Battista]» (1601 giu. 19)

30.

Lettera di Antonio Gregoletti a Marc’Antonio Corradino, cancelliere, per relazio-narlo su alcuni affari dell’Arca in corso a Venezia (1601 nov. 6)

tracce di sigillo di cera aderente

31.

Supplica di fra Prospero Rinaldi da Treviso, musico basso, ai presidenti dell’Arca di poter essere presente all’esame per il nuovo suonatore di violone [ricevuta il 1601 nov. 10]

32.

Supplica dei padri baccellieri e degli «audenti» del convento del Santo ai presidenti dell’Arca perché siano adempiute le volontà testamentarie di Giovanni Salarino concernenti il loro interesse (1601 nov. 12)

33.

Lettera ai presidenti dell’Arca per un’elemosina in favore di Salomone, ebreo rabbino di Padova, convertitosi al cristianesimo [ricevuta il 1601 dic. 14]

34.

«Circa la camera del reverendo padre provinciale» [ricevuta il 1601 dic. 30], riscontri puntuali a cc. 52v-53 del reg. 2. 11 (12)

35.

Lettera (minuta) dei presidenti dell’Arca a Girolamo Pallantieri circa le musiche suonate nelle chiese durante la Settimana Santa (1602 feb. 1°)

36.

«Copia d’una littera scritta a monsignor illustrissimo et reverendissimo [Girolamo] Palantieri» sulle musiche suonate nelle chiese durante la Settimana Santa (1602 feb. 1°)

37.

Lettera di fra Girolamo Pallantieri ai presidenti dell’Arca sulle musiche suonate nelle chiese durante la Settimana Santa (1602 feb. 16)

38.

«1602. In proposito della heredità [Giovanni] Salarini» (1602 feb. 22)

39.

Lettera di Girolamo Pallantieri ai presidenti dell’Arca sulle musiche suonate nelle chiese durante la Settimana Santa (1602 feb. 23)

sigillo di cera impresso

40.

«1602 a dì ultimo febraro. Scritto con Francesco Susan marangon per li penelli» (1602 feb. 28)

41.

Minuta della delibera per la nomina di Vittorio Zonca «per perito ordinario di essa Arca con obligo de meter in dissegno li soi lochi et cavalcar sopra di essi almeno quattro volte all’anno ordinariamente» (1602 mag. 25)

42.

Supplica di Massimiliano Romei da Ferrara ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1602 giu. 7]

43.

Supplica di fra Marc’Antonio Calefatti, guardiano e commissario generale, ai presidenti dell’Arca per far sistemare le due stanze in cui vive [ricevuta il 1602 giu. 7], riscontri puntuali a cc. 68v-69 del reg. 2.11 (12)

44.

Lettera di fra Girolamo Pallantieri al guardiano del Santo in cui rassicura di curare gli interessi dell’Arca a Roma (1602 giu. 8)

sigillo di cera impresso

45.

Lettera di fra Girolamo Pallantieri ai presidenti dell’Arca per alcune variazioni del calendario liturgico (1602 giu. 15)

sigillo di cera impresso

46.

Minuta della delibera «che la mattina della vigilia della festa del glorioso santo Antonio il molto reverendo padre guardiano e il molto magnifico signor cassiero che pro tempore saranno insieme debbano andar ad invitar gli illustrissimi signori Rettori [di Padova] perché vengano al vespro et alla processione» (1602 giu. 15)

47.

Lettera di Marc’Antonio Corradino, cancelliere dell’Arca, a Piero Fanton, fattore di città, sullo stato dei lavori degli argini del fiume Gorzon (1602 giu. 26)

48.

Supplica di fra Luc’Antonio Venanzi, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per entrare nell’organico della Cappella musicale [ricevuta il 1602 lug. 7]

49.

Lettera di Ottonello Descalzi ai presidenti dell’Arca per essere sostituito da Ludovico Brazuolo nella riunione del collegio di Presidenza (1602 ott. 16)

tracce di sigillo di cera aderente

50.

Lettera di Cristoforo Magarizza al guardiano del Santo in cui segnala l’asta dei beni dei debitori del campatico del Gorzon (1602 nov. 2)

51.

Supplica di fra Battista Querini e fra Lorenzo Bellano, sagrestani, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina (1602 dic. 21)

52.

Supplica di fra Antonio Dorati da Padova ai presidenti dell’Arca per far sistemare la sua stanza (1602 dic. 21)

53.

Supplica di padre Bartolomeo Ratti, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca per avere tre musici da assumere per le festività natalizie (1602 dic. 23)

sigillo di cera impresso

54.

Minuta della delibera per il rinnovo del collegio di Presidenza con l’elenco dei candidati (1602 dic. 31)

55.

Supplica di fra Francesco Gambarato e fra Giovanni Battista Frini, sagrestani, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [ricevuta il 1602 dic. 31]

56.

«1602. Informatione dell’eccellentissimo signor [Nanio 2°] Fallaguasta nella causa con li signori Gorzonanti» (1602)

57.

Supplica di Giovanni Maria Michieli da Ferrara, musico cantore, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina di 12 ducati [1602-1610]

58.

«Supplica di fra Lorenzo [Bonhomo] da Cividale al contralto» ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1603 gen. 8]

59.

Supplica di padre Bartolomeo Ratti, maestro di Capella, ai presidenti dell’Arca per la condotta di fra Martiale «del ordine de’ padri degli Angioli», musico contralto, nella Cappella musicale (1603 gen. 24)

60.

Supplica di fra Giacomo Boldoni, musico cantore, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina per poter sistemare la propria stanza [ricevuta il 1603 feb. 28]

61.

Supplica di fra Giovanni Battista Crema da Padova ai presidenti dell’Arca per far sistemare la sua stanza [ricevuta il 1603 mar. 14]

62.

Supplica di Paolo, falegname e piombista, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [ricevuta il 1603 mar. 14]

63.

Lettera di padre Bartolomeo Ratti, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca in cui chiede lo stipendio per il suo assistente (1603 apr. 20)

64.

Supplica di fra Marc’Antonio Peretti da Padova ai presidenti dell’Arca per ottenere il rimborso delle spese sostenute per sistemare la sua stanza [ricevuta il 1603 mag. 24]

65.

«In proposito di Zuan Maria Motti già fabro della Veneranda Arca resta debitor di lire 6» (1603 apr. 29 [ricevuta il 1603 mag. 24])

66.

«A dì 20 giugno 1603. Supplica di Alessandro zavattiero» ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1603 giu. 20]

67.

Supplica di Zuane Cavallin, suonatore di cornetto, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1603 giu. 20]

68.

Supplica di Paolo e Perino ai presidenti dell’Arca per il rimborso della spesa di ducati 4 per fare i festoni nella chiesa del Santo [ricevuta il 1603 giu. 20]

69.

Supplica di padre Filippo Fabbri da Faenza, reggente, ai presidenti dell’Arca per il restauro della «cammera della Reggentia» [ricevuta il 1603 giu. 25]

70.

Supplica di fra Marc’Antonio Peretti da Padova ai presidenti dell’Arca per ottenere il rimborso delle spese sostenute per sistemare la sua stanza [ricevuta il 1603 lug. 13]

71.

Accordo tra i presidenti dell’Arca e Gaspare campanaro per la realizzazione di una campana (1603 lug. 21)

72.

Supplica di padre Zaccaria da Ravenna, inquisitore di Padova, ai presidenti dell’Arca per far sistemare la sua stanza (1603 ago. 16)

73.

Minuta della delibera per nominare un presidente che compaia di fronte al governo veneziano a difendere gli interessi dell’Arca (1603 dic. 7)

74.

«Littera a misser Gioacchino» al quale si chiede un parere circa la regolamenta-zione della collocazione in chiesa di stemmi araldici, titoli onorifici o epigrafi [ricevuta il 1603 dic. 26]

75.

«6 febraro 1604. Protesto de reverendi padri» circa l’illegittimità delle decisioni prese dai quattro presidenti laici a Venezia, senza consultare la componente religiosa del collegio di Presidenza (1604 feb. 6)

76.

«Supplica del padre [Prospero] Renaldi [da Treviso] 1604», musico basso, ai presidenti dell’Arca in cui esprime la sua devozione al santo [ricevuta nel 1604 apr. 1°], riscontri puntuali a c. 125 del reg. 2.11 (12)

77.

«1604. Scrittura del molto magnifico et eccellentissimo signor Sassonia [Ercole] in proposito di musici, cantori et convento» [ricevuta il 1604 apr. 29]

78.

«1604 a dì 29 aprile. Scrittura Zacca» di Alessando Zacco, affittuario, ai presidenti dell’Arca per la vertenza in corso [ricevuta il 1604 apr. 29]

79.

Dichiarazione di Zuan Battista Sardio in merito alla richiesta di una «piezaria» per eseguire un lavoro (1604 mag. 3)

80.

Minuta della delibera per la locazione di alcune terre site al Pizzon e al Fiumesello da parte di Alvise e Lunardo Bertipaglia, fratelli (1604 mag. 6)

81.

Supplica di Gaspare, campanaro, ai presidenti dell’Arca perché non gli sia detratto dallo stipendio il risarcimento dei danni occorsi a una campana [ricevuta il 1604 mag. 28]

82.

Supplica di Tommaso Belloni, rettore della chiesa di Sant’Andrea di Anguillara, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario per la cura d’anime al Pizzon [ricevuta il 1604 giu. 14]

83.

Lettera di padre Giuseppe Pisculli da Melfi, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Teodoro [Pelleoni] «dall’Apiro», baccelliere nel convento del Santo, come predicatore per la quaresima successiva (1604 lug. 24)

sigillo di cera impresso

84.

«1604. Scrittura Descalza a dì 2 settembre 1604 accettata» di Ottonello Descalzi ai presidenti dell’Arca per l’insolvenza di un livello sopra una casa sita in piazza Castello a Padova [ricevuta il 1604 set. 2]

85.

«Supplica del padre Prospero Renaldi [da Treviso musico] cantore alla parte del basso» ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario (1604 nov. 8)

86.

«Saldo al magnifico [Ercole] Sassonia» (1605 feb. 24)

87.

«11 marzo 1605. In proposito de padri salariati presidenti», minuta della delibera (1605 mar. 11), riscontri puntuali a cc. 145v-146 del reg. 2.11 (12)

88.

Supplica di Francesco Rampino, affittuario, ai presidenti dell’Arca per rateizzare il pagamento del suo debito [ricevuta il 1605 mar. 18]

89.

Supplica di fra Marc’Antonio Peretti da Padova ai presidenti dell’Arca per far fare due finestre nella sua stanza [ricevuta il 1605 mar. 18]

90.

Supplica di fra Felice Spinelli, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per far riparare il tetto della sua stanza (1605 nov. 16)

91.

Supplica di fra Antonio Dorati da Padova ai presidenti dell’Arca per far sistemare le due stanze in cui vive [ricevuta il 1605 dic. 12]

92.

Lettera di Matteo Berti, affittuario, ai presidenti dell’Arca per i danni subiti nella pesca [ricevuta il 1605 dic. 27]

93.

Supplica di fra Marc’Antonio Talamazzo ai presidenti dell’Arca per far sistemare la sua stanza (1605 dic. 29)

94.

«Supplica di misser Ieronimo Boni musico», cantore ordinario, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1605 dic. 29]

95.

Supplica di Girolamo Curzola, fattore di città, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [1606 mar. 15-1624 feb. 28]

96.

Relazione di Girolamo Curzola, fattore di campagna, ai presidenti dell’Arca sul sopralluogo effettuato a Tognana, sotto Piove di Sacco, nel distretto padovano [1606 mar. 15-1624 feb. 28]

97.

Supplica del guardiano ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina per sostenere economicamente il capitolo provinciale dei frati Minori che si sta per tenere al Santo (1606 mar. 28)

sigillo di cera impresso

98.

«1606 a dì dominica 2 aprile. Risposta alla proposta del magnifico Avanzi [France-sco]» (1606 apr. 2)

99.

Stima di Giacomo Cecone e Francesco da Conselve, muratori, di «una chaza dominichale et una teza di pagia chon legname et pilastri soto nela contra’ de Santo Nicholò di Piove di Sacho» ai presidenti dell’Arca per la vertenza contro Francesco Avanzi (1606 apr. 28)

sigillo di cera impresso

100.

Lettera di Antonio Lando, podestà di Padova, ad Alessandro Michiel di Venezia per la garanzia presentata dai presidenti dell’Arca a favore di Francesco Avanzi (1606 mag. 30)

tracce di sigillo di cera aderente

101.

Supplica di Girolamo Boni, musico cantore ordinario, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1606 ott. 18]

102.

Accordo tra i presidenti dell’Arca e la Vicaria di Tribano per fare 4 nuovi pennelli lungo la riva del fiume Adige nella località detta Revoltante (1606 ott. 23)

103.

Supplica di don Giovanni Antonio Fabris, organista, ai presidenti dell’Arca per ottenere una gratifica economica [ricevuta il 1606 dic. 12]

104.

Supplica del padre maestro teologo ai presidenti dell’Arca di far riparare due fine-stre [ricevuta il 1606 dic. 12]

105.

Questioni successorie in duplice copia del q. Francesco Avanzi per la donazione di una possessione all’Arca [post 1606]

106.

Questioni successorie in duplice copia del q. Francesco Avanzi per la donazione di una possessione all’Arca [post 1606]

107.

Supplica di don Giovanni Antonio Fabris, organista, ai presidenti dell’Arca per ottenere una licenza per allontanarsi da Padova [1606-1620]

108.

Richiesta di Alessandro dal Pozzo, piemontese, ai presidenti dell’Arca per ottenere copia del testamento di Pietro Scapin (rogato nel 1576 set. 9), in cui il testatore nomina tra gli eredi dei suoi beni l’Arca, per valersene poi in giudizio nelle sedi preposte [ricevuta il 1607 gen. 21]

tracce di gora d’acqua lungo il marg. inf.

109.

«1607 a dì 9 di aprile. Presentata per il magnifico signor Nani [Giovanni] inanti la stipulation del saldo» [ricevuta il 1607 apr. 9]

110.

Delibera in copia per l’elezione del ministro provinciale e del guardiano del convento come membri del collegio di Presidenza (1607 apr. 16)

111.

Appunto per l’affrancazione di un livello di ducati 200 stipulato il 26 mar. 1567 [post 1607 ago. 15]

112.

«1607 a dì 22 di agosto. Parte presa de tutti li voti della sostitution di domino Michiel a domino Girolamo Curzola suo padre» (1607 ago. 22)

113.

Supplica di padre Giulio Belli, maestro di Capella, ai presidenti dell’Arca per ottenere uno stipendio di 140 ducati, la stessa somma che prendeva come maestro di Cappella presso la chiesa di Santa Maria Gloriosa dei Frari a Venezia [ricevuta il 1607 ago. 22]

114.

«Supplica di Francesco Avanzi alla Venerabil Arca per la liberatione delli 170 ducati» [ricevuta il 1607 ago. 22]

115.

«1607 a dì 22 agosto. Nota della retratation dell’inovation nell’arzer con l’operarii et testimoni» (1607 ago. 22)

116.

«1607 a dì 28 dicembre. Scrittura del signor conte Enea de’ Conti presentata per il spectabil Pietro Gambaro nodaro et procurator di palazzo», «per il livello Conti» (1607 dic. 28)

117.

«1607 a dì 28 dicembre. Scrittura de’ signori Gorzonanti presentata per domino Pietro Gambaro nodaro et procurator di palazzo» (1607 dic. 28)

118.

«A dì 28 dicembre. Supplica di secretto esponente accettata» [ricevuta il 1607 dic. 28]

119.

Lettera di Francesco Gradenigo a Enea Conti in merito a un «nuovo schizzo della rimessa o compromesso per il negotio con la Veneranda Arca» (1608 gen. 10)

tracce di sigillo di cera aderente

120.

Supplica di Antonio Faccini, affittuario, ai presidenti dell’Arca per un presunto credito di lire 54, soldi 14, denari 4 [ricevuta il 1608 feb. 1°]

121.

«1608, a dì 22 febraro. Intorno all’officio del contraditore» (1608 feb. 22)

122.

Supplica di fra Bonaventura Rebecca, il quale «retrovandosi … nella camera nominata di Gattamelata, camera tanto antica et incomoda nell’entrata et uscita sua» chiede ai presidenti dell’Arca che «voglino accomodare un suo luocho da basso con un puoco di scala, acciò si possi uscir con una porta per il luoco del portinaro nel claustro di morti [attuale chiostro della Magnolia]» [ricevuta il 1608 feb. 22]

123.

Supplica ai presidenti dell’Arca per far entrare padre Benedetto da Bologna, musico contralto, nell’organico della Cappella musicale [ricevuta il 1608 apr. 13]

124.

«1608, 23 aprile. Scritto con maistro Piero di Bagnoli per far li penelli» (1608 apr. 23)

125.

Proposte di delibere in forma di appunti di mani diverse da presentare alla Presi-denza (1608 apr. 25)

126.

«1608. Littera al molto padre reverendissimo generale [dei frati minori conventuali di San Francesco di Roma] per il reverendo padre maestro Lorenzo [Rossi, predicatore] da Bressia» (1608 apr. 26)

127.

Lettera di fra Agostino Fermi, guardiano di Reggio Emilia, a fra Ercole Ghisleri da Reggio Emilia circa la conclusione della loro vertenza (1608 giu. 27)

sigillo di cera impresso

128.

Lettera di Giacomo Ragazzoni, procuratore di Francesco Avanzi, ai presidenti dell’Arca per il pagamento di ducati 204 (1608 ago. 11)

sigillo di cera impresso

129.

Lettera dei presidenti dell’Arca a Giacomo Ragazzoni, procuratore di Francesco Avanzi, per il pagamento di ducati 204 (1608 ago. 16)

130.

Supplica di fra Marc’Antonio Peretti da Padova ai presidenti dell’Arca per far sistemare la cucina attigua alla sua stanza [ricevuta il 1608 ago. 16]

131.

«1608, 9 settembre. Sospensione della musica», minuta della delibera dell’Arca relativa alla sospensione della Cappella musicale (1608 set. 9)

132.

Lettera di Gaspare Borromeo per essere sostituito dal proprio figlio nella riunione del collegio di presidenza dell’Arca (1608 set. 25)

133.

«Supplica di maistro Francesco Menorelo d’Anguilara», affittuario, ai presidenti dell’Arca in cui si offre di occuparsi fino alla sua morte della cura e manutenzione degli argini del fiume Adige nei tratti di competenza dell’Arca (1608 nov. 10)

134.

Supplica di Luca, q. Silvestro, custode, ai presidenti dell’Arca «ritrovandosi biso-gnoso de’ drappi per poter comparire honoratamente al servitio di detta Vene-randa Arca» [ricevuta il 1609 feb. 21]

135.

Supplica di fra Filippo Cerva e fra Agostino, sacrestani, ai presidenti dell’Arca per ottenere il proprio salario [ricevuta il 1609 mar. 16]

136.

«6 aprile 1609. Littere del reverendissimo padre [Bonaventura] Rebecca» per l’intromissione della parte presa dall’Arca in merito alla costruzione di una scala per fra Marc’Antonio Talamazzo (1609 apr. 6), riscontri puntuali a c. 41 del reg. 2.12 (13)

137.

Supplica di Francesco Petrobelli da Lendinara, dell’ordine dei Servi, ai presidenti dell’Arca per «esser condotto per cantore alla parte del basso nella chiesa del glorioso sant’Antonio» (1609 mag. 11 [ricevuta il 1609 mag. 16])

138.

«Littere del molto magnifico cavalier Gasparo Borromeo di sostitutione» (1609 mag. 22)

tracce di sigillo di cera impresso

139.

Informativa per la vertenza in corso tra l’Arca e la presidenza della parte inferiore del Retratto del Gorzon per i danni subiti dall’Arca per la realizzazione del canale della Pezza [post 1609 ott. 10]

140.

Supplica dei presidenti dell’Arca al doge per ottenere agevolazioni fiscali su terreni di provenienza Manfredini da Rovigo [post 1609 ott. 10]

141.

«1610 a dì 12 genaro. Littera del padre Piazzolla da Sant’Agostino a Roma. Alla Minerva»: i presidenti dell’Arca chiedono al padre procuratore dell’ordine di San Domenico di Roma di far venire fra Camillo Piazzola a cantare al duomo e alla chiesa del Santo di Padova (1610 gen. 12)

142.

Lettera di fra Guglielmo Ugoni, ministro generale, ai presidenti dell’Arca in cui esprime apprezzamento per la nomina di padre Lorenzo da Brescia come predicatore per la quaresima successiva (1610 gen. 15)

sigillo di cera impresso

143.

«Supplica di Antonio campanaro presentata li 10 marzo 1610» per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1610 mar. 10]

144.

Lettera dei quattro cittadini, eletti dalla comunità di Padova, per raccogliere capitali per il Monte di Pietà [ricevuta il 1610 mar. 10]

145.

«Supplica del padre fra Zanmaria da Ferrara», musico cantore, ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo stipendio (1610 mar. 17)

146.

«Supplica di fra Filippo Bondoni da Crema», musico tenore, ai presidenti dell’Arca per ottenere una donazione [ricevuta il 1610 mar. 17]

147.

«1610. Scritto con il tagliapieda in proposito della inscrittione della vittoria della litte [con li Gorzonanti]» (1610 mar. 25)

148.

«Circa l’affittanza de la Veneranda Arca» a Berto Berti di alcuni terreni siti in Anguillara (1610)

149.

«1610. Polizza delli Morelli per l’affittanza delle vali» in Anguillara (1610)

tracce di sigillo di cera impresso

3) Lettere e carteggio (1611 gen. 8-1625 nov. 28)

fasc. contenente docc. 1-143

1.

Lettera di fra Guglielmo Ugoni, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Bernardino da Lucignano, «regente da Rimini», come predicatore per la quaresima successiva (1611 gen. 8)

sigillo di cera impresso

2.

«Pieggiaria» di don Lauro Niasio, abate padovano, a favore di Giovanni Montorsi da Bologna, musico cantore (1611 feb. 3)

3.

Lettera di Vincenzo Colonna a don Giovanni Antonio Fabris, organista, per la realizzazione di cinque mantelle per l’organo (1611 mar. 26)

tracce di sigillo di cera aderente

4.

Accordo tra padre Bartolomeo Ratti, maestro di Cappella, e Vincenzo Colonna per fare cinque mantelle per l’organo (1611 mar. 29)

5.

«Littere del reverendo padre maestro Antonio da Pellegrino», guardiano del Santo (1611 mag. 8)

sigillo di cera impresso

6.

Lettera di Berto Berti di Anguillara, affittuario dell’Arca, per i danni subiti nei campi da un gregge di pecore guidato da Zanmaria Bizon, pastore (1611 dic. 15)

tracce di sigillo di cera impresso

7.

Supplica di fra Marc’Antonio Peretti ai presidenti dell’Arca per far sistemare il tetto della cucina attigua alla sua camera (1611)

8.

Lettera di fra Antonio Manenti a fra Filippo Cerva per farsi sostituire nella riunione del collegio di presidenza dell’Arca (1612 feb. 15)

sigillo di cera impresso

9.

«1612. Accordo con misser Gasparo campanaro per fattura delle due campane rotte» (1612 mar. 27)

10.

Lettera ad Antonio Zaniolo, procuratore dell’Arca, per produrre le carte inerenti alla vertenza in corso contro la famiglia Papafava (1612 mag. 2)

sigillo di cera aderente

11.

Lettera ad Antonio Zaniolo, procuratore dell’Arca per produrre le carte inerenti alla vertenza in corso contro la famiglia Papafava (1612 mag. 4)

sigillo di cera impresso

12.

Lettera di fra Giacomo da Bagnacavallo, vicario generale apostolico, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Tommaso da Bologna come predicatore per la quaresima successiva (1612 dic. 29)

sigillo di cera impresso

13.

Lettera di Zuanne e Antonio Berti, fratelli di Anguillara, ai presidenti dell’Arca per chiedere aiuti economici, avendo subito dei danni per le alluvioni del fiume Adige nelle valli date a loro in locazione dall’Arca [ricevuta il 1613 gen. 7]

14.

Supplica di padre Girolamo Francese, maestro di grammatica, ai presidenti dell’Arca per essere sostituito per motivi di salute (1613 [feb. 1°]), riscontri puntuali a cc. 113v-114 del reg. 2.12 (13)

15.

«1613. Scritto col Coradino [Hieronimo] razzaro» (1613 lug. 3)

16.

«1613. Littere del reverendissimo padre generale [Giacomo da Bagnacavallo] per la continuazione del predicatore [fra Vincenzo Coraducci] per la quadragesima 1614» (1613 set. 13)

sigillo di cera impresso

17.

Lettera di fra Vincenzo Coraducci, commissario provinciale, a fra Antonio Righetti per farsi sostituire nella riunione del collegio di presidenza dell’Arca (1613 dic. 5)

sigillo di cera impresso

18.

Dichiarazione di padre Federico Mazzali, maestro dei novizi, circa il fatto che padre Bartolomeo Ratti, maestro di Cappella, non insegna musica ai novizi (1613 dic. 16)

19.

«1613. Accordo col Bastian Barison» da Conselve per lavori di manutenzione in Anguillara (1613 dic. 19)

tracce di gora d’acqua lungo il marg. sup.

20.

Padre Domenico Benedetti, maestro secolare di grammatica, dichiara di non poter far fede che padre Bartolomeo Ratti, maestro di Cappella, insegni musica ai novizi (1614 feb. 17)

21.

Relazione di Lunardo Bertipaglia sui lavori svolti da Bastiano Barison da Consel-ve, convalidata da Antonio Berti (1614 mar. 19)

22.

«1614. Scritto del pittore [al duomo Giovanni Battista Biscioni] per l’apparato» (1614 apr. 21)

23.

«1614. Scritto per l’apparato» (1614 apr. 22)

24.

Lettera dei presidenti dell’Arca al ministro generale per la collocazione nella Cappella musicale di Francesco da Riccardina, musico tenore, e di Felice Bottigella da Milano, musico basso (1614 ago. 29)

25.

«1614. Littere responsive reverendissimo padre generale», lettera di Giacomo Montanari da Bagnacavallo, vicario del ministro generale, ai presidenti dell’Arca in merito alla collocazione nella Cappella musicale di Francesco da Riccardina, musico tenore, e di Felice Bottigella da Milano, musico basso (1614 set. 12)

sigillo di cera impresso

26.

«Supplica di Scipion Zabbottini musico» cantore ai presidenti dell’Arca per essere riammesso nella Cappella musicale dopo gravi problemi di salute legati alla voce [ricevuta il 1614 ott. 8]

27.

Lettera di Francesco Capodivacca per sostituire Alessandro da Vigonza nella riunione del collegio di presidenza dell’Arca (1614 ott. 14)

tracce di sigillo di cera aderente

28.

«1614, 24 ottobre. Littere al reverendissimo padre generale», lettera dei presidenti dell’Arca a Giacomo Montanari da Bagnacavallo, vicario del ministro generale, in merito alla collocazione nella Cappella musicale di Francesco da Riccardina, musico tenore, e di Felice Bottigella da Milano, musico basso (1614 ott. 24)

29.

Lettera di Zuan Battista Ton, «campanaro in Venetia all’insegna di San Martino in calle de’ faveri», ai presidenti dell’Arca per restaurare la campana grande del Santo a sue spese [ante 1614 nov. 16]

30.

«1614. Accordo con misser Zuan Battista Ton per la campana» (1614 nov. 16)

31.

Lettera di Gioacchino Tomasini a Girolamo Curzola, fattore dell’Arca, in cui invia «li due mandati et la partita di pagamento della Veneranda Arca che mi mandaste et insieme anco le copie delli pagamenti fatti sì per la Veneranda Archa, come per la partita dell’avanzo con il debito che si attrovano» (1614 dic. 3)

32.

Polizza dei mandati di pagamento ai musicisti della Cappella musicale (1615 apr.- 1615 giu.)

33.

Raffaella Brazolli, monaca del monastero di San Bernardino di Padova, supplica, anche a nome delle sue sorelle, i presidenti dell’Arca di pagare «le fatture fatte nelle dodici palme» (1615 mag. 7)

tracce di sigillo di cera impresso

34.

«Pieggiaria» di Mario Marcoleni per padre Pietro Righetti, maestro di grammatica dei novizi (1615 giu. 12)

35.

Lettera di Antonio Zaniolo, procuratore dell’Arca, ai presidenti in merito ad alcuni affari a Venezia (1615 lug. 20)

36.

«1615 Scritto delli candellieri» (1615 ago. 11)

37.

«1615. Polizza per l’affittanza delle vali et possessione della Calà dalli Berti», Zuanne e Antonio, fratelli di Anguillara (1615)

tracce di sigillo di cera aderente

38.

Lettera dei presidenti dell’Arca ad Angelo Bianchi per appendere i cedoloni per il rinnovo del contratto di affitto della possesione della Calà (1616 feb. 13)

tracce di sigillo di cera impresso

39.

«Memoriale» delle carte processuali prodotte nella vertenza tra l’Arca e la Presidenza della parte media del Retratto del Gorzon [post 1616 ago. 11]

40.

Lettera di Marco Corner ai presidenti dell’Arca per la realizzazione di un canale di scolo delle acque (1616 set. 27)

sigillo di cera impresso

41.

Lettera ai presidenti dell’Arca per la realizzazione di un canale di scolo (1616 set. 28)

42.

Lettera di Gioacchino Tomasini a Girolamo Curzola, fattore dell’Arca, circa alcuni affari dell’Arca a Venezia (1616 ott. 24)

43.

«1617. Accordo per l’apparato» (1617 mar. 17)

44.

Nota di padre Serafino Manfredi, vicario del ministro provinciale, in merito alla richiesta di risarcimento danni presentata dall’Arca in seguito all’esplosione della polveriera al ponte del Maglio attigua all’Orto Botanico di Padova [post 1617 mag. 24]

45.

«A dì 26 zugno 1617. Polizza di cantori et sonatori ano servito al Santo aprile, maggio et zugno» (1617 giu. 26)

46.

«Polizza de’ piombista [Paulo marangon]» per lavori di manutenzione alle cupole del Santo (1617 set. 20)

47.

Lettera di padre Alessandro Camponeschi ai presidenti dell’Arca per venire a pre-dicare a Padova per la quaresima (1617 nov. 12)

48.

«Muratori polizze» (1618 ago. 26)

sigillo di cera aderente

49.

Lettera di padre Giovanni Ferretti ai presidenti dell’Arca per venire a predicare a Padova per la quaresima (1618 set. 28)

50.

«Intromissione della parte 1618», delibera dell’Arca in copia (1618)

51.

Lettera di Gioacchino Tomasini a Girolamo Curzola, fattore dell’Arca, per aver ricevuto lire 37, soldi 4 come stipendio dei tre mesi passati (1619 lug. 12)

sigillo di cera aderente

52.

Lettera di Zuan Francesco Basadonna a Bortolo Bertolesso per il dissequestro di alcuni beni dell’Arca (1619 lug. 12)

53.

«Polizza de ser Iseppe apparador per l’apparato» [ricevuta il 1620 mag. 7]

sigillo di cera aderente

54.

Lettera di Giacomo Montanari da Bagnacavallo, ministro generale, a padre Aurelio Spolverino da Verona per la condotta di frate Agostino Corti da Verona come musico a Padova (1620 mag. 18)

sigillo di cera impresso

55.

Lettera di Giacomo Montanari da Bagnacavallo, ministro generale, a padre Ludovico Troilo da Vicenza per entrare nell’organico della Cappella musicale del Santo di Padova (1620 ago. 15)

sigillo di cera impresso

56.

Lettera di Gioacchino Tomasini, procuratore dell’Arca, a Girolamo Curzola, fattore di città, per gli affari dell’Arca in corso a Venezia (1620 dic. 24)

tracce di sigillo di cera aderente

57.

Lettera di Gioacchino Tomasini, procuratore dell’Arca, a Girolamo Curzola, fattore di città, per gli affari dell’Arca in corso a Venezia (1621 gen. 3)

sigillo di cera aderente

58.

«1621. Accordo con maistro Paolo marangon» (1621 mag. 3)

59.

Fattura dei «murari» (1621 mag. 7)

60.

Lettera di fra Giulio Balletta da Padova e Girolamo Curzola, fattore di città, ai presidenti dell’Arca per l’apparato per la festa del santo (1621 mag. 26)

61.

Lettera di Gioacchino Tomasini, procuratore dell’Arca, a Girolamo Curzola, fattore di città, per gli affari dell’Arca in corso presso i Savi esecutori alle acque (1621 set. 1°)

62.

Lettera di Camillo Cauzio ad Antonio Zaniolo, circa il pagamento delle gravezze da parte dell’Arca alla Comunità di Padova (1621 set. 2)

tracce di sigillo di cera aderente

63.

Lettera di Gioacchino Tomasini, procuratore dell’Arca, a Girolamo Curzola, fattore di città, per relazionarlo sullo svolgimento di alcuni affari in corso a Venezia (1621 set. 18)

tracce di sigillo di cera aderente

64.

Lettera di Gioacchino Tomasini, procuratore dell’Arca, a Girolamo Curzola, fattore di città, per gli affari dell’Arca in corso a Venezia presso i Savi esecutori alle acque (1621 set. 24)

tracce di sigillo di cera aderente

65.

Lettera di Gioacchino Tomasini, procuratore dell’Arca, a Girolamo Curzola, fattore di città, per gli affari dell’Arca in corso a Venezia presso i Governatori delle entrate (1621 dic. 9)

tracce di sigillo di cera aderente

66.

Lettera dei fratelli Zuanne e Antonio Berti, del q. Matteo di Anguillara, ai presidenti dell’Arca per rinnovare la locazione della possessione della Calà [ricevuta il 1621 dic. 21]

sigillo di cera impresso

67.

Lettera di Gioacchino Tomasini, procuratore dell’Arca, a Girolamo Curzola, fattore di città, per gli affari dell’Arca in corso a Venezia (1621 dic. 30)

sigillo di cera aderente

68.

«1622. Affittanza a domina Anzola di Clementi» (1622 apr. 16)

69.

«Polisa di me Santin da la Schala tagiapria» (1622 ott. 30)

tracce di sigillo di cera aderente

70.

«Polisa di me Baldissera Rizardi favero per far la feramenta delle fabriche del glorioso santo Antonio» (1622 nov. 26)

71.

Polizza di Bernardo di Marc’Antonio da Venezia, tagliapietra (1622 dic. 12)

72.

Polizza di Battista Tessari, fornasiero alla Mandria, per la fornitura di pietre e calcina «per la fabricha che si fano sora la strada dal Magio» di Padova (1622 dic. 17)

73.

«1622. Polizza de misser Bartholomio del Iura [da Anguillara]» (1622)

tracce di sigillo di cera aderente

74.

Lettera di fra Giovanni Ghezzolo, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca per ottenere una licenza per recarsi al capitolo dei frati Minori a Roma [1622-1623]

75.

Supplica di Giovanni Battista da Bologna, organista all’organo di San Felice, ai presidenti dell’Arca per ottenere una gratifica economica [post 1623 feb. 3]

76.

Lettera di Gioacchino Tomasini, procuratore dell’Arca, a Girolamo Curzola, fattore di città, per gli affari dell’Arca in corso a Venezia (1623 mar. 10)

tracce di sigillo di cera aderente

77.

Lettera di Gioacchino Tomasini, procuratore dell’Arca, a Girolamo Curzola, fattore di città, per gli affari dell’Arca in corso a Venezia (1623 mar. 13)

sigillo di cera aderente

78.

«A dì 19 marzo 1623. Musici assignati a me fra Giovanni Ghezzolo, maestro di Capella della Veneranda Arca di sant’Antonio, quali hanno servito et cetera» (1623 mar. 19)

79.

«Littere del reverendissimo generale [Giacomo Montanari da Bagnacavallo] in proposito del maestro di Capella [Giovanni Ghezzolo]» (1623 apr. 29)

sigillo di cera impresso

80.

«1623 zugno. Supplica delli reverendi padri d’Assisi per elemosina» ai presidenti dell’Arca [ricevuta il 1623 giu.]

81.

«1623, X zugno. Lettere dell’illustrissima signora Domitilla Cesi Baglioni [pro-prietaria del castello di Graffignano in provincia di Viterbo, dove introduce la devozione per san Filippo Neri] con le resposte 7 luglio» (1623 giu. 10-1623 ago. 11)

fasc. cart., sigillo di cera impresso (c. 1)

82.

Lettera di Alessandro Dotto a Pietro Brozolo per essere sostituito da quest’ultimo nella prossima riunione del collegio di Presidenza per l’elezione del nuovo cancelliere (1623 lug. 4)

83.

Supplica di Bartolomeo Righetti, suonatore di corno, ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo salario [ricevuta il 1623 lug. 16]

84.

Supplica di fra Francesco Filippini da Corinaldo, musico soprano, ai presidenti dell’Arca per ottenere una gratifica economica [ante 1623 ago. 23]

85.

Supplica di fra Francesco Filippini da Corinaldo, musico soprano, ai presidenti dell’Arca per ottenere una gratifica economica [ricevuta il 1623 ago. 23]

86.

Lettera di Antonio Zaniolo, cancelliere, a padre Michele Misserotti da Bologna, ministro generale, per la nomina di padre Giulio Arrigoni da Cremona come predicatore per la quaresima successiva (1623 ago. 23)

87.

Lettera di padre Michele Misserotti da Bologna, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Giulio Arrigoni da Cremona come predicatore per la quaresima successiva (1623 ago. 31)

sigillo di cera impresso

88.

Supplica in duplice copia di Antonio Gaio, del q. Gaspare, ai presidenti dell’Arca per il saldo del salario da cancelliere del padre, morto improvvisamente [ricevuta il 1623 lug. 16, ripresentata e rifiutata il 1623 set. 1°]

fasc. cart.

89.

Nota sulla vendita di Paolo Mazzoletto a Giacomo Giacometti di una casa di muro e legna con due campi arativi, «piantà di vigne», siti al Bassanello (1623 set. 11)

90.

Lettera di padre Giulio Arrigoni da Cremona ai presidenti dell’Arca per la sua venuta a Padova come predicatore per la quaresima successiva [ricevuta il 1623 set. 17]

91.

Supplica di Vincenzo Pavorin, musico contralto padovano, ai presidenti dell’Arca per entrare nell’organico della Cappella musicale [ricevuta il 1623 set. 20]

92.

Lettera di Alessandro Dotto a Pietro Brozolo per essere sostituito da quest’ultimo nella successiva riunione del collegio di Presidenza (1623 set. 21)

93.

«1623. Littere di 25 ottobre del reverendo padre fra Leandro Gallerano, eletto in maestro di Capella dalla Veneranda Arca» (1623 ott. 25 [ricevuta il 1623 nov. 5])

mansio sull’involto

94.

Elenco dell’organico della Cappella musicale con l’indicazione del ruolo ricoperto e del corrispettivo salario espresso in ducati («cantori ordinarii», «bassi», «tenori», «alti», «soprani», «straordinarii»), [1623 dic. 31], riscontri a c. 47 del reg. 2.13 (14)

95.

«Polizza del reverendo fra Tomaso delli musici per li mesi di ottobre e dicembre 1623 da far i mandati» [post 1623 dic. 31]

96.

Supplica di fra Francesco [Filippini] da Corinaldo, musico soprano, ai presidenti dell’Arca per ottenere il saldo del suo salario [1623-1624]

97.

Supplica di fra Francesco Filippini da Corinaldo, musico soprano, ai presidenti dell’Arca per ottenere una gratifica economica [1623-1624]

98.

«1624, 4 genaro. Lettere direttive al reverendissimo padre generale in materia del predicatore» padre Maurizio Centino (1624 gen. 4)

99.

Lettera di padre Giulio Arrigoni da Cremona ai presidenti dell’Arca per rinunciare all’incarico di predicatore, essendo stato eletto guardiano del convento dei Minori a Cremona (1623 dic. 22 [ricevuta il 1624 gen. 4])

sigillo di cera impresso

100.

Lettera di padre Maurizio Centino ai presidenti dell’Arca per la sua venuta a Padova come predicatore per la quaresima successiva (1624 gen. 14 [ricevuta il 1624 gen. 20])

101.

Supplica ai presidenti dell’Arca per far promuovere al grado di suonatore ordinario Bartolomeo Ferretto «trombon grosso» [ricevuta il 1624 feb. 9]

102.

Supplica di fra Agostino da Verona, maestro dei novizi, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [ricevuta il 1624 feb. 9]

103.

Supplica di fra Antonio da Treviso, musico soprano, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1624 feb. 9]

104.

Supplica di fra Tommaso Lattuato da Milano, musico cantore, ai presidenti dell’Arca per ottenere una gratifica economica, avendo fatto le veci del maestro di Cappella per 7 mesi [ricevuta il 1624 feb. 28]

105.

«1624, 1° marzo. Lettera dell’illustrissimo e reverendissimo cardinal d’Ascoli in raccomandatione del padre predicatore suo nipote» Maurizio Centino ai presidenti dell’Arca (1624 feb. 24 [ricevuta il 1624 mar. 1°])

sigillo di cera impresso

106.

Lettera di fra Marc’Antonio Peretti da Padova ai presidenti dell’Arca per far sistemare i coperti delle stanze in cui vive [ricevuta il 1624 mar. 7]

107.

«1624 8 marzo. Lettere scritte in nome delli molto reverendi et illustri signori presidenti alla Veneranda Arca all’illustrissimo et reverendissimo signor cardinal d’Ascoli [Lorenzo Magalotti] in risposta delle sue 24 del passato» (1624 mar. 8)

108.

«1624, 18 marzo. Littere del molto reverendo padre provinciale nelle quali sosti-tuisce alla Veneranda Arca fino ad altro suo ordine il reverendo frate Bartolomeo Ratti con facultà di nominar altri quando fosse impedito» (1624 mar. 18)

109.

Lettera del cardinale di Ascoli ai presidenti dell’Arca per raccomandare il nipote padre Maurizio Centino come predicatore per la quaresima successiva (1624 mar. 30)

sigillo di cera impresso

110.

Lettera dei presidenti dell’Arca al cardinale di Ascoli per la raccomandazione di padre Maurizio Centino, suo nipote, come predicatore per la quaresima successiva (1624 apr. 6)

111.

Lettera del cardinale di Ascoli ai presidenti dell’Arca per raccomandare il nipote padre Maurizio Centino come predicatore per la quaresima successiva (1624 apr. 23)

sigillo di cera impresso

112.

«Nominationi de’ presidenti», elenchi dei candidati per il rinnovo del collegio di Presidenza (1624 giu. 18 in duplice copia, 1624 dic. 31, 1625 gen. 1°)

fasc. cart.

113.

Supplica di fra Francesco da Brescia, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per entrare nell’organico della Cappella musicale [ricevuta il 1624 lug. 5]

114.

«Supplica del reverendo padre maestro di Capella [Leandro Gallerano]» ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo stipendio [ricevuta il 1624 lug. 5]

115.

«1624 a dì 26 luglio. Polizza del signor Fortunio Rangon de ducati 10, lire 4» (1624 lug. 9 [ricevuta il 1624 lug. 26]

sigillo di cera impresso

116.

«1624, 26 luglio. Polizza delli fratelli Targa [Zuanne et Antonio] offeriscano ducati 85» [ricevuta il 1624 lug. 26]

117.

Supplica di fra Francesco da Brescia, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo salario [ricevuta il 1624 set. 23]

118.

«Poliza di maistro Zuane Rosan muraro et maistro Gasparo Rigagia muraro» (1624 set. 28)

119.

Elenco dell’organico della Cappella musicale con l’indicazione del ruolo ricoperto e del corrispettivo salario espresso in ducati: «cantori ordinarii», «sonatori straor-dinarii», «contralti», «tenori», «bassi» (1624 dic. 10)

120.

Supplica di fra Tommaso [Lattuato] da Milano, musico basso, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [post 1624 dic. 10-1638]

121.

Supplica di Tommaso Selumi, terzo organista e suonatore di liuto e «chitarrone», ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [post 1624 dic. 27], riscontri puntuali a c. 60 del reg. 2.13 (14)

122.

Minuta della delibera dell’Arca (1624 dic. 29)

123.

Supplica di Orazio da Sala, sarto per i paramenti della sagrestia, ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo salario [ricevuta il 1624 dic. 29]

124.

Polizza dei fratelli Zuanne e Antonio Berti, del q. Matteo, di Anguillara per la locazione del Pizzon al prezzo di ducati 1100 annui [ricevuta il 1624 dic. 31]

125.

Lettera di padre Agostino Bellini da Bologna ai presidenti dell’Arca per la sua no-mina a predicatore per la quaresima (1625 gen. 1°)

sigillo di cera impresso

126.

Supplica di Vincenzo Scappitta da Valenza del Po, cantore, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina [ricevuta il 1625 feb. 13]

127.

«1625, a dì 11 marzo. Suplica del padre fra Emilio da Bressia», musico basso, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina [ricevuta il 1625 mar. 11]

128.

Supplica di Adamo Levamantici, alzafogli, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario e pagare 4 uomini per trasportare l’organo nuovo del coro [ricevuta il 1625 mar. 11]

129.

Supplica di Zuanne Zanelli, sarto per i paramenti per la sagrestia, ai presidenti dell’Arca per essere assunto (1625 mar. 7 [ricevuta il 1625 mar. 11])

130.

Polizza di Antonio Dalla Vecchia, falegname e piombista (1625 mag. 18 [ricevuta il 1625 mag. 22])

131.

Polizza di Girolamo Spadon, falegname (1625 mag. 19 [ricevuta il 1625 mag. 22])

132.

Polizza di Bartolomeo da Bergamo, falegname [ricevuta il 1625 mag. 22]

tracce di sigillo di cera aderente

133.

«1625, 20 zugno. Polizza de Cesare Candian per la possession di Tognana» (1625 giu. 20)

134.

«1625 inditione 8, die 27 augusti. Comparte tutta dal molto reverendo padre Bartolomeo Ratti registrata nelli atti correnti», minuta della delibera da presentare nel collegio di Presidenza (1625 ago. 27)

135.

Supplica di padre Leandro Gallerano, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca per ottenere una gratifica economica [ricevuta il 1625 set. 25]

136.

«1625, 21 novembre. Peritia de maistro Bernardin Bianchin», muratore (1625 set. 8 [ricevuta il 1625 nov. 21])

137.

«1625, 21 novembre. Peritia de maistro Domenico Fieramonte» muratore (1625 set. 10 [ricevuta il 1625 nov. 21])

138.

«1625, 21 novembre. Peritia de maistro Antonio Zucato» muratore (1625 set. 29 [ricevuta il 1625 nov. 21])

139.

Perizia di Battista Zanin «muraro» [ricevuta il 1625 nov. 21]

sigillo di cera aderente

140.

Perizia di Baldassarre Fagian «muraro» [ricevuta il 1625 nov. 21]

sigillo di cera aderente

141.

«Peritia di Zanandrea Cavazza muraro» [ricevuta il 1625 nov. 21]

142.

«1625, 21 novembre. Peritia de maistro Zuanne Rosan muraro» [ricevuta il 1625 nov. 21]

143.

Lettera di Antonio Zaniolo, cancelliere dell’Arca, a Felice Franceschini da Cascia, ministro generale, per la nomina di padre Giuliano da Orvieto come predicatore per la quaresima successiva (1625 nov. 28)

Credits

L’inventario in formato digitale è stato curato da Giorgetta Bonfiglio-Dosio, sulla scorta dell’edizione a stampa: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Giulia Foladore, Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio. Inventario, Padova, Centro studi antoniani, 2017, voll. 3 (Varia, 60)

Orari di apertura

CHIUSURA ESTATE 2019:
DAL 23 LUGLIO AL 22 AGOSTO COMPRESI. 
Riapertura MERCOLEDI’ 28 AGOSTO 8:30-12:30 e 14:30-18:30

L’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è aperto solo su appuntamento con i seguenti orari:

Mercoledì ore 8:30-12:30 e 14:30-18:30
Giovedì ore 8:30-12:30

Per concordare una visita si prega di contattare la referente tramite l’apposito modulo