Chiudi
 Serie 08

Lettere 02


 

8.2 (65) 1573 apr. 28-1592 nov. 3

Lettere e carteggio

cassetta di cartone moderna contenente cc. sciolte

1) Lettere e carteggio ([1582 ott. 21]-[post 1587 gen. 30])

fasc. contenente docc. 1-97

Le lettere conservano l’ordinamento originario, predisposto da Francesco Ottaviano, cancelliere, verificabile grazie al riscontro puntuale con le relative deliberazioni, nelle quali compare il rinvio al numero identificativo di ciascuna lettera

1. «Supplica del Balzan [Antonio nodaro]» in cui offre 54 staia padovane di frumento consegnate da Antonio Milanese, suo affittuale, come saldo del debito che nutre nei confronti dell’Arca [ricevuta il 1582 ott. 21-1582 nov. 23], riscontri puntuali a cc. 126v, 156v del reg. 2.6 (7)
2. «Supplica del convento per il piombista», supplica di alcuni frati del convento ai presidenti dell’Arca per far escludere Gaspare, campanaro, dalle votazioni per la carica di piombista, non avendo agito correttamente in passato [ricevuta il 1581 mag. 5], riscontri puntuali a c. 129 del reg. 2.6 (7)
3. «Capitoli per prendere la rotta del Revoltante», minuta [ricevuta il 1581 mag. 21], riscontri puntuali a cc. 130-131 del reg. 2.6 (7)
4. «Polizza de misser Piero dall’Ocha orevese» (1581 giu. 12)
5. «Supplica Bigolina», supplica di Mainardo Bigolin, presidente cassiere per ottenere un prestito di 100 ducati [ricevuta il 1581 giu. 25], riscontri puntuali a cc. 137-137v del reg. 2.6 (7)
6. «Scrittura del Zappati», perizia di Luca Zappati, pubblico agrimensore di Padova, sullo stato della rotta e dell’argine attiguo al Pizzon «in loco detto il Revoltante» (1581 giu. 30)
7. «Capitoli dell’arzer della rotta», «capitoli con li quali si ha da dar l’arzere da esser fatto al Revoltante sopra il Pizzon, dietro l’arzer di essa rotta», minuta [ricevuta il 1581 lug. 2], riscontri puntuali a cc. 141-142v del reg. 2.6 (7)
8. «Protesto 29 settembre»: questioni tra l’Arca e il padre guardiano del convento per pagamento spese, tra le quali anche quelle per la visita dell’imperatrice (1581 set. 29)
9. Mancante
10. «Scriptura Iohannis Mariae Veronensis» per i lavori di ripristino dell’argine dopo la rotta al Pizzon [ricevuta il 1581 dic. 15], riscontri puntuali a cc. 150v-151 del reg. 2.6 (7)
11. «Supplica del reverendo padre maestro [Girolamo] Formentoni», organista, ai presidenti dell’Arca per far sistemare la propria stanza (1581 dic. [15]), riscontri puntuali a c. 152 del reg. 2.6 (7)
12. «Littere del reverendissimo generale», lettera di padre Antonio Fera da Piancasta-gnaio, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per non poter mandare padre Costanzo da Sarnano come predicatore per la quaresima (1581 nov. 6)

sigillo di cera impresso

13. «Littere responsive al reverendissimo generale», lettera dei presidenti dell’Arca a padre Antonio Fera da Piancastagnaio, ministro generale, per la mancata venuta di padre Costanzo da Sarnano come predicatore per la quaresima (1581 dic. 18)
14. «Supplica del reverendo padre metafisico [Salvatore Bartolucci d’Assisi]» ai presidenti dell’Arca per far sistemare le finestre nell’appartamento al di sopra delle stanze del ministro generale [ricevuta il 1581 dic. 18], riscontri puntuali a cc. 154-154v del reg. 2.6 (7)
15. «Polizza del Franceschini [Lorenzo]. N° 15» (1581 dic. 17)
16. «Scrittura Zacca. N° 16» di Alessandro Zacchi e fratelli, affittuari dell’Arca al Pizzon [ricevuta il 1582 gen. 17], riscontri puntuali a cc. 158-158v del reg. 2.6 (7)
17. Mancante
18. «Supplica del reverendo padre fra Felice Spinelli», musico tenore, ai presidenti dell’Arca per far sistemare le finestre della sua stanza [ricevuta il 1582 feb. 17], riscontri puntuali a cc. 168v-169 del reg. 2.6 (7)
19. «Ricever del signor Alessandro Zacco» (1578 ago. 11)
20. «Scrittura e polizze dell’eccellente Quarantotto [Camillo]» (1578 giu. 17)
21. «Supplica del reverendo padre [Giovanni Francesco] Placa e reverendo padre [Cornelio] Giordano» ai presidenti dell’Arca per far fare un muro attiguo all’orto [ricevuta il 1582 mar. 10, riscontri puntuali a cc. 172v-172 del reg. 2.6 (7)
22. «Obblighi delli quattro [misser Battista Remoletta, misser Giulio Borghesan, misser Antonio Borghesan, misser Giovanni Sorti] per far li concerti», «Obblighi che hano d’avere quelli che si hano da condurre per far concerti di tromboni et altri instrumenti nella cappella del Santo di Padova» [ricevuta il 1582 mar. 30], riscontri puntuali a cc. 174-175v del reg. 2.6 (7)
23. «Scrittura del Zappati», perizia di Luca Zappati, pubblico agrimensore di Padova, sui lavori di manutenzione degli argini al Pizzon [ricevuta il 1582 apr. 20], riscontri puntuali a cc. 177-178v del reg. 2.6 (7)
24. «Polizza del Franceschini [Lorenzo]» per la fornitura di legname per la cupola del Santo (1582 [mag. 11]), riscontri puntuali a cc. 181v-182 del reg. 2.6 (7)
25. «Supplica del reverendo padre fra Bartolomeo da Vigevano», musico basso, ai presidenti dell’Arca per entrare nell’organico della Cappella musicale [ricevuta il 1582 mag. 11], riscontri puntuali a cc. 183-183v del reg. 2.6 (7)
26. Mancante
27. «Supplica Porcellina», supplica di Nicolò Porcellini, di Achille, ai presidenti dell’Arca per dilazionare il pagamento di un livello di lire 50, soldi 4 [ricevuta il 1582 giu. 7], riscontri puntuali a cc. 185v-186 del reg. 2.6 (7)
28. «Capitoli per il quaderniero», minuta [ricevuta il 1583 gen. 15], riscontri puntuali a cc. 9v-12 del reg. 2.7 (8)
29. «Intimation del reverendo padre provinciale [fra Bonaventura Maresio]» (1583 gen. 22)

sigillo di cera impresso

30. «Supplica del reverendo fra Giovanni Andrea da Urbino», maestro dei novizi e musico tenore, ai presidenti dell’Arca per ottenere il proprio salario [ricevuta il 1583 feb. 4], riscontri puntuali a c. 20 del reg. 2.7 (8)
31. «Circa gli organi», delibera dell’Arca relativa alla sospensione della costruzione degli organi «nelli pilastri a dirimpetto del choro» [ricevuta il 1583 feb. 25], riscontri puntuali a cc. 24-24v del reg. 2.7 (8)
32. «Scrittura dei magnifici Zacchi [Alessandro e fratelli]» [ricevuta il 1583 apr. 16], riscontri puntuali a cc. 30-33 del reg. 2.7 (8)
33. «Stima con li signori Zacchi [Alessandro e fratelli]» [ricevuta il 1583 apr. 16], riscontri puntuali a c. 33v del reg. 2.7 (8)
34. «Ratificatione del reverendo rettor d’Anguillara [Ioannes Madruzzatus]», (1583 mag. 8), minuta della delibera, riscontri puntuali a cc. 37v-38 del reg. 2.7 (8)
35. «Scrittura e decchiaration Zeneva» di Girolamo Passera da Genova (1583 mag. 8)
36. «Crida per il Pizzon» [ricevuta il 1583 mag. 14], riscontri puntuali a c. 44 del reg. 2.7 (8)
37. «Denominatione con l’elettione», elenco dei candidati alla carica di presidenti dell’Arca con relativa elezione (1583 giu. 17-1583 giu. 20)
38. «Littere et memoriale per l’aquedetto» (1583 dic. 3)

sigillo di cera impresso

39. «Supplica del campanaro [Giovanni]» ai presidenti dell’Arca per essere riconfermato nel suo incarico [ricevuta il 1583 dic. 27], riscontri puntuali a c. 61 del reg. 2.7 (8)
40. «Supplica de’ maistro Alessandro Zavatiero», organista, ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo salario [ricevuta il 1583 dic. 27], riscontri puntuali a c. 61v del reg. 2.7 (8)
41. «Supplica del reverendo padre Fortezza [Francesco]» ai presidenti dell’Arca per far fare due scuri alle finestre della sua stanza [ricevuta il 1583 dic. 27], riscontri puntuali a c. 62v del reg. 2.7 (8)
42. «Consignatione di mobili d’Anguillara», inventario stilato da Prosdocimo Fanton, fattore di città (1583 dic. 21)
43. «Scrittura et capitoli Zappati [Luca agrimensor]» (1584 feb. 19)
44. «Supplica del reverendo maestro di Capella [Bonifacio Pasquali]» ai presidenti dell’Arca per essere licenziato e trasferirsi così presso la Cappella musicale del duomo di Piacenza [ricevuta il 1584 mar. 27], riscontri puntuali a cc. 74-74v del reg. 2.7 (8)
45. «Supplica delli heredi Piazzola» ai presidenti dell’Arca per saldare il debito del q. padre Felice da Piazzola [ricevuta il 1584 mar. 27], riscontri puntuali a c. 75 del reg. 2.7 (8)
46. «Supplica del reverendo padre [Felice] Spinelli», musico tenore, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [ricevuta il 1584 mar. 27], riscontri puntuali a cc. 75-75v del reg. 2.7 (8)
47. «Supplica del reverendo padre [Giovanni Andrea] da Urbino», musico tenore, ai presidenti dell’Arca per poter ritornare a casa e ristabilirsi fisicamente dopo una lunga malattia [ricevuta il 1584 apr. 9], riscontri puntuali a cc. 77v-78 del reg. 2.7 (8)
48. «Supplica de misser Francesco Dal Sole», musico contralto, ai presidenti dell’Arca per essere riconfermato nel suo incarico [ricevuta il 1584 mag. 5], riscontri puntuali a c. 80 del reg. 2.7 (8)
49. «Polizza del Bassan [Zuan Domenego]» per la fornitura di legname (1584 mag. 30)

sigillo di cera impresso

50. «Polizza del Franceschini [Lorenzo]» per i lavori di riparazione al campanile dell’angelo (1584 giu. 1°)
51. «Denominatione», elenco dei candidati alla carica di presidenti dell’Arca con relativa elezione (1584 giu. 18)

sigillo di cera impresso

52. «Supplica del reverendo padre [Bartolomeo da] Vigevano», musico basso, ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo salario in qualità di supplente del maestro dei novizi [ricevuta il 1584 lug. 8], riscontri puntuali a c. 89v del reg. 2.7 (8)
53. «Polizza delli heredi Bianco» [1584]
54. «Supplica del custode [Battista Meloni]» ai presidenti dell’Arca per essere riconfermato nel suo incarico per i prossimi tre anni [ricevuta il 1584 dic. 27], riscontri puntuali a c. 96v del reg. 2.7 (8)
55. Supplica di Alessandro Zavatiero, organista, ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo salario [ricevuta il 1584 dic. 27], riscontri puntuali a c. 97v del reg. 2.7 (8)
56. «Polizza delli argenti» (1584 dic. 12)
57. «Polizza de maistro Gasparo dalle Campane» per fare una nuova campana [ricevuta il 1585 feb. 12], riscontri puntuali a c. 102 del reg. 2.7 (8)

sigillo di cera aderente

58. «Crida per la cubba dell’anzolo» [ricevuta il 1585 feb. 12], riscontri puntuali a c. 104 del reg. 2.7 (8)
59. «Supplica de misser Matthio Villani» ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo salario «havendo fatto li dui terzi del libro de conti de la Veneranda Arca del’anno 1575» (1585 mar. 8)

sigillo di cera impresso

60. Supplica di fra Felice Spinelli, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per ottenere la licenza di recarsi in pellegrinaggio a San Giacomo di Compostela [ricevuta il 1585 mar. 8], riscontri puntuali a c. 108v del reg. 2.7 (8)
61. «Supplica del [Anzolo] Massimo» debitore dell’Arca per un livello sopra una casa sita «nella contra’ del pozzo della Vacha» a Padova [ricevuta il 1585 apr. 5], riscontri puntuali a c. 110 del reg. 2.7 (8)
62. «Scrittura de misser Lorenzo Franceschini», accordo con l’Arca per la fornitura di legname (1585 apr. 5), riscontri puntuali a c. 112v del reg. 2.7 (8)
63. «Supplica del reverendo predicator [Fabrizio da San Giovanni]» ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina, avendo predicato al Santo nella passata quaresima [ricevuta il 1585 apr. 28], riscontri puntuali a c. 113v del reg. 2.7 (8)
64. «Supplica del reverendo padre Rippa [Orazio]» per far riparare «la fenestra di sopra et li duoi fenestrini da basso» nella sua stanza [ricevuta il 1585 apr. 28], riscontri puntuali a c. 114 del reg. 2.7 (8)
65. «Supplica del nodaro [Francesco Ottaviano]», cancelliere, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento del suo stipendio, in particolare per la registrazione e per l’emissione dei mandati di pagamento [ricevuta il 1585 mag. 18], riscontri puntuali a c. 115v del reg. 2.7 (8)
66. «Supplica Zacca», supplica di Alessandro Zacco ai presidenti dell’Arca per procastinare il pagamento del debito nei confronti dell’Arca all’anno venturo 1586 [ricevuta il 1585 giu. 10], riscontri puntuali a c. 117 del reg. 2.7 (8)
67. «Supplica del reverendo padre metafisico [Salvatore Bartolucci d’Assisi]» ai presidenti dell’Arca per far alzare il muro del suo orto [ricevuta il 1585 giu. 11], riscontri puntuali a c. 118 del reg. 2.7 (8)
68. «Supplica del reverendo Regina [Francesco]» per far sistemare il camino della sua camera [ricevuta il 1585 giu. 11], riscontri puntuali a cc. 118-118v del reg. 2.7 (8)
69. «Per maistro Giacomo meneschalco al Pra’ della Valle ai magnifici signori dell’Archa», Giacomo, maniscalco a Prato della Valle a Padova, chiede all’Arca a nome di Palmarino calderaio, suo genero, di continuare a pagare l’affitto della porzione di sagrato, occupata nei giorni della fiera del Santo da Baldassare «che vendeva lavezi di pietra», ora deceduto [ricevuta il 1585 ago. 6], riscontri puntuali a c. 123 del reg. 2.7 (8)
70. «Obligationi delli cantori» [ricevuta il 1585 ago. 6], riscontri puntuali a cc. 124-125 del reg. 2.7 (8)
71. «Supplica Remoletta», supplica di Giovanni Battista Remoletta, suonatore di trombone, ai presidenti dell’Arca per essere riconfermato nel suo incarico [ricevuta il 1585 ago. 9], riscontri puntuali a c. 126 del reg. 2.7 (8)
72. «Supplica Borghesani [Giulio e Antonio] et Bovo [Zuane]», salariati, ai presidenti dell’Arca per essere riconfermati nel loro incarico [ricevuta il 1585 ago. 9], riscontri puntuali a c. 127 del reg. 2.7 (8)
73. «Obbligationi delli musici dalli concerti» [ricevuta il 1585 ago. 12], riscontri puntuali a cc. 127v-128 del reg. 2.7 (8)
74. «Scrittura del reverendo maestro di Capella [Ludovico Balbi]», in cui, avendo trovato un buon candidato al ruolo di musico basso, chiede ai presidenti dell’Arca che costui sia esaminato per poter entrare nell’organico della Cappella musicale (1585 ago. 31)
75. «Supplica del reverendo padre [Bartolomeo] Vigevano», musico basso, ai presidenti dell’Arca per accogliere le richieste formulate nella supplica n° 52 [ricevuta il 1585 set. 6], riscontri puntuali a cc. 129v-130 del reg. 2.7 (8)
76. «Supplica del reverendo padre fra Giacomo Ruberto» ai presidenti dell’Arca per far mettere tre inferriate alle sue finestre [ricevuta il 1585 set. 20], riscontri puntuali a cc. 131-131v del reg. 2.7 (8)
77. «Supplica del reverendo padre regente [dello Studio Zacharia da Ravena]» ai presidenti dell’Arca per far fare un camino nella camera ordinaria della Reggenza [ricevuta il 1585 ott. 19], riscontri puntuali a cc. 132v-133 del reg. 2.7 (8)
78. «Supplica del reverendo padre [Francesco] Fortezza» ai presidenti dell’Arca per far riparare il pozzo del suo orto, pericolante [ricevuta il 1585 nov. 6], riscontri puntuali a cc. 133v-134 del reg. 2.7 (8)
79. «Supplica de maistro Martin coverzadore [de coppi]» ai presidenti dell’Arca per il rimborso delle spese sostenute personalmente per riparare i coperti del convento, gravemente danneggiati da una tempesta [ricevuta il 1585 nov. 29], riscontri puntuali a cc. 139-139v del reg. 2.7 (8)
80. «Supplica del reverendo padre guardiano [Giulio Cortivo]» ai presidenti dell’Arca per accompagnare il vescovo nella visita pastorale a Chioggia [ricevuta il 1585 dic. 5], riscontri puntuali a c. 140 del reg. 2.7 (8)
81. «Supplica del reverendo padre fra Horatio Riva custode» ai presidenti dell’Arca per far fare una «nappa» al camino della sua stanza [ricevuta il 1585 dic. 11], riscontri puntuali a c. 141v del reg. 2.7 (8)
82. Mancante
83. «Supplica del reverendo padre [Cornelio] Giordano» ai presidenti dell’Arca per far fare alcune finestre nella sua stanza [ricevuta il 1586 gen. 25], riscontri puntuali a cc. 147-147v del reg. 2.7 (8)
84. «Supplica de maistro Gasparo dalle Campane» ai presidenti dell’Arca per ottenere il saldo di due campane [ricevuta il 1586 feb. 24], riscontri puntuali a cc. 151-151v del reg. 2.7 (8)
85. «Particola del testamento dell’illustrissimo Orsino [Paolo Giordano]», duca di Bracciano, in cui lascia alla cappella del Santo un calice d’oro del valore di 500 scudi a titolo di legato (1585 ott. 30)
86. «Supplica del reverendo padre maestro Valerio Polidoro» ai presidenti dell’Arca perché gli concedano «quelle pietre e colonelle che furono cavate come inutili da l’organo vecchio, per fare un poggiuolo bisognoso a la stanza ove hora sto» [ante 1586 mar. 12], riscontri puntuali a c. 153 del reg. 2.7 (8)
87. «Supplica del reverendo padre fra Vespasian Gasparini» ai presidenti dell’Arca per ottenere il rimborso delle spese personali sostenute per far fare alcune finestre nella stanza in cui abitava un tempo [ricevuta il 1586 apr. 9]
88. «Supplica dell’Ottaviano [Francesco nodaro]» ai presidenti dell’Arca per ottenere il suo salario [ricevuta il 1586 mag. 2], riscontri puntuali a c. 162v del reg. 2.7 (8)
89. «Supplica del reverendo padre maestro Geronimo Formentoni», organista all’organo di San Felice, ai presidenti dell’Arca perché accettino come suo sostituto Bartolomeo Tardivelli, essendo egli molto anziano (1586 giu. 11)
90. «Supplica del reverendo padre maestro Gasparo de Silvestri da Rovigo» ai presidenti dell’Arca per ottenere una porzione di terreno di proprietà dell’Arca sita nel Polesine [ricevuta il 1586 ago. 30], riscontri puntuali a c. 174 del reg. 2.7 (8)
91. «Scrittura dei signori presidenti per il Sorte [Bartolomeo]», suonatore di trombone, per essere convocato di fronte al collegio di presidenza dell’Arca per sostenere l’esame di ammissione alla Cappella musicale [ricevuta il 1586 set. 12], riscontri puntuali a c. 176 del reg. 2.7 (8)
92. «Supplica Porcellina» supplica di Achille e Piero, eredi del q. Nicolò Porcellini, ai presidenti dell’Arca per procastinare il pagamento dei due terzi del debito del loro padre [ricevuta il 1586 set. 26], riscontri puntuali a c. 177 del reg. 2.7 (8)
93. «Scrittura de misser Bartholomeo Sorte», suonatore di trombone, relativa alla nullità dell’esame da lui sostenuto il 27 settembre passato [ricevuta il 1586 ott. 2], riscontri puntuali a cc. 177v-178 del reg. 2.7 (8)
94. «Scrittura dell’Horti [Francesco]» per aver esaminato le entrate e le uscite dei libri mastri per gli anni dal 1575 al 1585, avendoli trovati in buon ordine (1586 ott. 12)
95. «Scritture per Novale» [ricevuta il 1586 nov. 14], riscontri puntuali a cc. 181-181v del reg. 2.7 (8)
96. «Supplica del reverendo padre fra Cornelio [Giordano]» ai presidenti dell’Arca per ottenere il rimborso delle spese personali sostenute per rifare la canna del camino nella stanza attigua alla cancelleria dell’Arca (1587 gen. 30)
97. «Scrittura de Marin coverzadore» ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario [post 1587 gen. 30]

2) Lettere e carteggio (1591 set. 24-1595 feb. 8)

fasc. contenente docc. 1-43

Sui documenti si trova la segnatura di mano di Marc’Antonio Corradino, cancelliere dell’Arca.

1. «Die martis 24 mense septembris 1591. Pars electionis cancellarii. Marcus Antonius Coradinus fuit electus» (1591 set. 24)
2. Supplica di fra Guido Bartolucci, baccelliere del convento, ai presidenti dell’Arca per il rimborso delle spese sostenute per sistemare la propria stanza [ricevuta il 1591 ott. 30]
3. Supplica di padre Salvatore Bartolucci da Assisi, pubblico metafisico, ai presidenti dell’Arca per far riparare una finestra della sua stanza [ricevuta il 1591 nov. 12]
4. «Supplica del molto illustrissimo padre maestro [Giovanni Battista] Crema [da Padova]» ai presidenti dell’Arca per il rifacimento dei vetri e degli scuri delle finestrelle del cucinino nella sua stanza [ricevuta il 1591 nov. 12]
5. «1591, 19 novembre. Raccordi bisognosi al Pizzon di arzeri come d’altro» (1591 nov. 19)
6. «1591 a dì 9 dicembre. Polizza di domino Paolo Bevilacqua per le terre del Pizzon regolata in ducati 900» (1591 dic. 9)
7. «1591. Supplica del molto reverendo padre guardiano et padri del convento del Santo» ai presidenti dell’Arca per far costruire alcuni gradini presso il pozzo nel chiostro del refettorio per agevolarne l’utilizzo [ricevuta il 1591 dic. 13]
8. Supplica di fra Felice Spinelli, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per essere riconfermato nel suo incarico [ricevuta il 1591 dic. 13]
9. Supplica di fra Francesco Dal Sole, musico contralto, ai presidenti dell’Arca per fare le veci del maestro di Cappella, essendo il posto vacante, fino a quando non ne sarà eletto uno di nuovo [ricevuta il 1591 dic. 13]
10. Supplica di Amadio Spadaro, musico soprano, ai presidenti dell’Arca per essere riconosciuto come musico della Cappella e ottenere quindi il legittimo salario [ricevuta il 1592 feb. 28], riscontri puntuali a c. 121v del reg. 2.9 (10)
11. «11 marzo 1592. Accordo delle lampade con misser Battista Negroni [orevese al Falco]. Appresso: ricevuta della lampada con il suo peso» (1592 mar. 11)
12. Supplica di padre fra Antonio Maria da Stra ai presidenti dell’Arca per far sistemare la sua stanza [ricevuta il 1592 apr. 28], riscontri puntuali a cc. 125v-126 del reg. 2.9 (10)
13. Supplica di padre Orazio Colombano da Verona, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca per un anticipo sullo stipendio di 40 ducati [ricevuta il 1592 ott. 20]
14. Dichiarazione autenticata da Marc’Antonio Corradino, cancelliere dell’Arca, per il debito di Santo Andreella, del q. Giacomo, per le morosità delle affittanze sopra alcuni campi in Anguillara (1592 ott. 26)
15. «Suplica Garona», supplica di Alessandro Garoni ai presidenti dell’Arca per far fare uno studiolo sopra la cucina [ricevuta il 1592 nov. 3]
16. «Supplica del reverendo padre inquisitore [Annibale da Urbino]» ai presidenti dell’Arca per far allestire una cucina nella sua stanza [ricevuta il 1592 dic. 15]

Allegati:

1. «Poliza del finestraro [Battista da San Daniele] per la chusina di padre inquisitore» (s.d.)

17. «Supplica di maestro Valerio [Polidoro]» ai presidenti dell’Arca per ottenere il rifacimento del pozzo [ricevuta una prima volta il 1590 giu. 15, riletta e approvata il 1593 dic. 31]
18. Numero saltato nella numerazione delle parti [reg. 2.9 (10)]
19. Supplica di Girolamo Boni, musico cantore, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1593 mar. 5]
20. «Supplica delli molto reverendi padri di convento» ai presidenti dell’Arca per destinare l’elemosina, già prevista di solito per il fontego, come spesa straordinaria per il capitolo provinciale dei frati che si terrà a breve al Santo [ricevuta il 1593 mar. 22]
21. «Supplica del molto reverendo padre guardiano [Fortezza Francesco]» ai presidenti dell’Arca per far sistemare la porta del chiostro e lo scuro di una finestra del piano inferiore [ricevuta il 1593 mar. 22]
22. Supplica di fra Gaspare Rampo di Padova, organista, ai presidenti dell’Arca per subentrare al posto di fra Girolamo Formentoni, licenziato [ricevuta il 1593 mar. 27]
23. Supplica di Paolo di Paolo Dondi dall’Orologio, suonatore di cornetto, ai presidenti dell’Arca per essere riconosciuto come musico della Cappella ed ottenere quindi il legittimo salario [ricevuta il 1593 mar. 27]
24. «Scritto circa dieci penelli con maistro Piero Marangon per ducati 100» (1593 mar. 10 [ricevuta il 1593 mag. 26])
25. «1593 a dì 26 maggio. Supplica del molto reverendo padre maestro Valerio Polidoro» ai presidenti dell’Arca per far realizzare uno studiolo (1593 mag. 24 [ricevuta il 1593 mag. 26])
26. Supplica di Bartolomeo Tacconi, organista, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina [ricevuta il 1593 giu. 9]
27. Lettera di padre Simone Calcaneo, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per essere assunto in qualità di organista [ricevuta il 1593 giu. 9]
28. «1593, 22 marzo. Supplica del reverendo padre [Alessandro] Garoni» ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina [ricevuta il 1593 giu. 9]
29. «Supplica per li reverendi padri sagrestani [Cornelio Giordano e Paolo]» ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1593 giu. 9]
30. Supplica di padre Orazio Colombano da Verona, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [ricevuta il 1593 giu. 9]
31. Supplica di fra Bartolomeo da Vigevano ai presidenti dell’Arca per ottenere una licenza per sbrigare alcuni affari personali lontano da Padova [ricevuta il 1593 ago. 19]
32. «Supplica del molto reverendo padre Gregorio Arrigoni» ai presidenti dell’Arca per far sistemare la sua stanza [ricevuta il 1593 set. 3]

Allegati:

1. «Per la scalla. Stima fatta da maestro Battista marangon» (s.d.)

33. «1593, a dì 7 decembre. Supplica di secretto esponente»: circa l’esecuzione testa-mentaria di una «gentildonna» [ricevuta il 1593 dic. 7]
34. «Supplica del maestro Valerio [Polidoro]» ai presidenti dell’Arca per far fare alcune finestre per la sua stanza (1593 ott. 25 [ricevuta il 1593 dic. 10])
35. «A dì 17 dicembre 1593. Littera del magnifico signor Gasparo Borromeo che intromette la parte del serar la porta di mezo» (1593 dic. 14 [ricevuta il 1593 dic. 17])

sigillo di cera impresso

36. «Littera del reverendo maestro padre generale [Filippo Gesualdo] circa i reverendi padri predicatori»: il ministro generale propone ai presidenti dell’Arca alcuni nominativi come predicatori per la quaresima padre Giulio da Montagnana, padre Prospero, reggente di Urbino, padre Cesare Mordano, reggente di Padova, padre Vittorino di Lucigno, reggente di Firenze, padre Eleuterio, reggente di Milano, padre Ottavianino, reggente di Rimini, padre Francesco da Piombino, reggente di Pisa (1593 dic. 19 [ricevuta il 1593 dic. 30])

sigillo di cera impresso

37. «Supplica del reverendo padre guardiano [Lorenzo Bellato] di Monselice» ai presidenti dell’Arca per avere «quelle due collonne finte che sono nel suo Capitolo con quell’adornamento di sopra», «dovendosi al presente far un altare nella chiesa di San Francesco di Monselice, ne havendo il convento modo di poterlo ridure a perfettione» [ricevuta il 1594 mag. 25]
38. Supplica di Simone Calcaneo, suonatore di organetto, ai presidenti dell’Arca per ottenere il salario per i mesi da marzo a luglio passati [ricevuta il 1594 ott. 28]
39. «Supplica del reverendo padre maestro Cesare Lippi da Moredano [Mordano, lettore]» ai presidenti dell’Arca per far costruire una mensola dove riporre i suoi libri [ricevuta il 1593 ott. 25 per la prima volta, accolta in data 1594 dic. 30]
40. «Memoriale et oblazione di Giacomo Scapin tagliapietra» che si offre di eseguire la porta della chiesa del Santo in pietra istriana al prezzo di 180 ducati, secondo il disegno del maestro Giulio Viola [ricevuta il 1594 dic. 9]
41. «1594 a dì 27 dicembre letta et accettata. Supplica del custode [Salvestro]» ai presidenti dell’Arca per ottenere un carro di legna per i propri bisogni personali [ricevuta il 1594 dic. 27]
42. «1595, 8 febraro. Supplica de maistro Baldissera Tibaldi [Tibaldo, piombista]» ai presidenti dell’Arca per far sistemare il tetto della propria casa [ricevuta il 1595 feb. 8]
43. «1593, 25 ottobre. Supplica de maestro Lorenzo di Chechi letta la prima volta» ai presidenti dell’Arca per ottenere una licenza per allontanarsi da Padova per motivi personali [ricevuta il 1593 ott. 25]

3) Lettere e carteggio ([post  1571 mar. 7]-1585 dic. 7)

fasc. contenente docc. 1-148

1. Memoria priva di sottoscrizione circa un caso giudiziario di fidecommesso estinto [post 1571 mar. 7]
2. Lettera di Francesco Donato, podestà di Padova, ai presidenti dell’Arca per la vertenza in corso contro Balzan (1571 giu. 7)

tracce di sigillo di cera aderente

3. Supplica dei presidenti dell’Arca a Giovanni Pico da Serrapetrona, ministro generale, per far restare padre Giovanni Battista da Bologna come musico contralto presso la Cappella musicale (1571 lug. 22)
4. Lettera di Marc’Antonio Mussato ai presidenti dell’Arca per accettare l’incarico di consulente legale nella vertenza in corso contro Paolo da Lion (1571 ott. 15)

tracce di sigillo di cera aderente

5. Accordo tra i presidenti dell’Arca e Gaspare dalle Campane per la fusione di due campane (1572 mar. 1°)
6. «Ricever de ducati 10 ½ de misser Hieronimo Musici per mesi 3 finirà al’ultimo de’ marzo» (1573 mar. 17)
7. Lettera dei presidenti dell’Arca a Giovanni Pico da Serrapetrona, ministro generale, per un rimborso spese di 30 scudi d’oro da dare a padre Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, per la sua venuta a Padova come predicatore per la quaresima successiva, in duplice copia (1573 apr. 28)
8. Lettera dei presidenti dell’Arca a Giovanni Pico da Serrapetrona, ministro generale, per la nomina di padre Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, come predicatore per la quaresima successiva, essendo morto padre Franceschini (1573 nov. 13)
9. Lettera di Giovanni Pico da Serrapetrona, ministro generale, a Massimiano Beniamin, padre inquisitore, perché riferisca ai presidenti dell’Arca la sua decisione di inviare come predicatore per la quaresima successiva padre Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, essendo morto padre Franceschini (1573 nov. 14)

sigillo di cera impresso

10. Lettera dei presidenti dell’Arca a Giovanni Pico da Serrapetrona, ministro generale, per la nomina di Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, come predicatore per la quaresima successiva (1573 nov. 17)
11. Lettera del notaio dell’Arca, su ordine dei presidenti, a Giovanni Pico da Serrapetrona, ministro generale, per la nomina di Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, come predicatore per la quaresima successiva (1573 nov. 23)
12. Minuta di delibera dell’Arca [post 1574 gen. 19]
13. Lettera di Carlo Borromeo, arcivescovo di Milano, ai presidenti dell’Arca con cui esprime il suo apprezzamento per le prediche di padre Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, a Padova (1574 mar. 17)

sigillo di cera impresso

14. Lettera di Bernardo Locatelli, affittuario, ad Annibale Saviolo per l’insolvenza di un livello (1574 apr. 21)

tracce di sigillo di cera aderente

15. Lettera dei presidenti dell’Arca per la pubblicazione degli stridori per l’affittanza di terre e valli dell’Arca in duplice copia (1574 lug. 3)

vistoso ritaglio per asportazione sigillo

16. Lettera di Raniero Foscarini, podestà e capitano di Rovigo, ai presidenti dell’Arca per la pubblicazione nei luoghi consueti dei cedoloni per le affittanze dei terreni dell’Arca nel suo distretto (1574 lug. 6)

sigillo di cera impresso

17. Lettera di Muzio Dondi dall’Orologio, vicario di Conselve, ai presidenti dell’Arca per aver fatto gli stridori «a hora di mercato» per le affittanze dei terreni dell’Arca nella sua vicaria (1574 lug. 7)

sigillo di cera impresso

18. Lettera di Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per raccomandare loro padre Clemente da Firenze come predicatore per la quaresima successiva (1575 gen. 4)

sigillo di cera impresso

19. Lettera di Battista Rizoletti ai presidenti dell’Arca per l’acquisto di due candelieri (1575 gen. 21)

tracce di sigillo di cera aderente

20. Lettera di Giovanni Francesco Pisani ai presidenti dell’Arca per la questione dei rispettivi confini al Pizzon (1575 apr. 21)

tracce di sigillo di cera aderente

21. Lettera dei presidenti dell’Arca a Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, per la nomina del predicatore per la quaresima successiva scegliendo tra i candidati i padri Girolamo da Brisighella, Clemente da Montefalco, Bartolomeo da Macerata (1575 mag. 19)
22. Lettera di Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, ai presidenti dell’Arca «in risposta che non mancarò in tempo congruo mandarvi uno degli tre predicatori proposti da vostri signori» (1575 ago. 18)

sigillo di cera impresso

23. Lettera di Luca Zappati, pubblico agrimensore di Padova, ai presidenti dell’Arca per il disegno della pianta del nuovo argine che si deve fare nei terreni di proprietà dell’Arca al Pizzon (1575 dic. 10)

sigillo di cera impresso

24. Lettera di Luca Zappati, pubblico agrimensore di Padova, ai presidenti dell’Arca per il disegno, incominciato nel 1575, del nuovo argine al Pizzon, per il disegno dei beni perticati nel 1574 e per il disegno dei terreni dell’Arca sotto il taglio del Gorzon (1576 gen. 14)

sigillo di cera impresso

25. Lettera dei presidenti dell’Arca ai deputati della Comunità di Monselice per la questione dei rispettivi confini (1576 gen. 21)
26. Relazione di Giulio da Cortivo sullo stato dei lavori condotti da Alessandro Zacco nelle sue terre al Pizzon (1576 mar. 9)

sigillo di cera impresso

27. Lettera dei presidenti dell’Arca a Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, per la nomina del predicatore per la quaresima successiva scegliendo tra i candidati i padri Girolamo da Brisighella, Clemente da Montefalco, Costanzo da Sarnano, in duplice copia (1576 mag. 27)
28. Lettera di Alessandro Zacco ad Alberto Conti, presidente cassiere, per l’impossibilità di venire a Padova, avendo degli affari urgenti da sbrigare nel Polesine (1577 mar. 13)
29. Lettera dei deputati della Comunità di Monselice ai presidenti dell’Arca per la vertenza in corso tra loro e l’Arca (1577 mar. 15)

sigillo di cera impresso

30. Lettera dei presidenti dell’Arca ai presidenti del Retratto del Gorzon per i danni subiti dall’Arca [post 1577 giu. 20]
31. Accordo tra i presidenti dell’Arca e Gaspare dalle Campane «d’accomodar il campanil dell’anzolo de tutto quello sarà guasto et marzo che l’habbi da rimetter così anco accomodar tutte le campane, dandogli legname et ferramenti che li farà bisogno» (1577 ott. 2)
32. Lettera dei presidenti dell’Arca a Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, per la nomina del predicatore per la quaresima successiva scegliendo tra i candidati i padri Girolamo da Brisighella, Clemente da Montefalco, Piero da Putignano (1577 ott. 17)
33. Lettera dei presidenti dell’Arca ad Alessandro Zacco per rammentargli il pagamento di ducati 150 (1577 dic. 10)
34. Lettera dei deputati della Comunità di Monselice ai presidenti dell’Arca per la vertenza in corso tra loro e l’Arca (1577 dic. 14)

sigillo di cera impresso

35. Lettera dei presidenti dell’Arca a padre Francesco Regina, guardiano del convento, perché padre Federico Placa non ponga più alcun ostacolo al «fabricar un luogo congruo nel convento del Santo per poner serrà le scritture della congregatione pertinenti alla Veneranda Arca et ancor per ridur la congregatione», riscontro con la delibera presa in data 1577 giu. 14 a c. 249 del reg. 2.5 (6), (1578 feb. 21)
36. Lettera dei presidenti dell’Arca a Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, per la nomina del predicatore per la quaresima successiva scegliendo tra i candidati i padri Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, e Pietro Ridolfi da Tossignano (1578 apr. 6)
37. Lettera di Alessandro Zacco a Giulio Cortivo per l’impossibilità di venire a Padova (1578 apr. 21)

sigillo di cera impresso

38. Lettera di Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina del predicatore per la quaresima scegliendo tra i candidati i padri Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, e Pietro Ridolfi da Tossignano (1578 mag. 27)

sigillo di cera impresso

39. «Fitation fata per li agienti de la Cha’ de Dio a ser Matio Menegelo da Pieve» (1578 mag. 31)
40. Lettera del segretario del ministro generale ai presidenti dell’Arca sull’illegittimità dell’elezione del padre guardiano (1578 giu. 5)

sigillo di cera impresso

41. Lettera di Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per mandare come predicatore per la quaresima successiva «uno delli quattro predicatori nominatomi dal Breseghella in poi quale è stato concesso alla città di Capua» (1578 lug. 3)
42. Supplica del maestro e dei fratini ai presidenti dell’Arca per far fare una scala che conduca dal Noviziato all’orto (1578 lug. 8)
43. Lettera dei presidenti dell’Arca a Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, perché scriva al priore generale degli Agostianiani per favorire l’ingresso nella Cappella musicale di padre Graziano degli Eremitani di Padova in qualità di cantore (1578 lug. 24)
44. Lettera di padre Marino Mauro, ministro provinciale, ai presidenti dell’Arca sullo stato di servizio di padre Natale da Padova come maestro di grammatica (1578 lug. 26)

sigillo di cera impresso

45. Lettera dei presidenti dell’Arca a Paolo Facchetti, ministro provinciale, sulla prerogativa che spetta all’Arca di eleggere e di licenziare il maestro di grammatica dei fratini (1578 ago. 8)
46. Lettera di padre Marino Mauro, ministro provinciale, ai presidenti dell’Arca sull’avvenuto licenziamento di padre Natale da Padova come maestro di grammatica e sulla volontà di essere informato riguardo il suo successore (1578 ago. 16)

sigillo di cera impresso

47. Lettera dei presidenti dell’Arca per stipulare un accordo con il falegname (1578 ago. 23)
48. Lettera dei presidenti dell’Arca a Paolo Facchetti, ministro provinciale, affinché in quanto membro del collegio di Presidenza, venga a Padova per l’elezione dell’orga-nista (1578 ott. 22)
49. Lettera di padre Marino Mauro, ministro provinciale, ai presidenti dell’Arca in cui manifesta la volontà di voler presenziare assolutamente alle riunioni per l’elezione dell’organista (1578 ott. 29)

sigillo di cera impresso

50. Lettera dei presidenti dell’Arca a Alessandro Zacco per accomodare l’argine del fiume Adige nel tratto che costeggia il palazzo della presidenza al Pizzon, in duplice copia (1578 nov. 4)
51. Lettera del cardinale Silvio Savelli a Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, sulla permanenza di padre Geremia da Udine presso l’inquisitore di Siena (1579 gen. 16)

sigillo di cera impresso

52. Dichiarazione di Bello Trombetta circa i confini della casa di Girolamo e Francesco Savelli in Anguillara (1579 gen. 18)

sigillo di cera impresso

53. Lettera di Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, ai presidenti dell’Arca sull’impossibilità di mandare padre Prospero da Urbino come predicatore per la quaresima successiva, con richiesta di indicargli un altro candidato (1579 feb. 5)

sigillo di cera impresso

54. Lettera dei presidenti dell’Arca a Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, in cui propongono come candidati a predicatore per la quaresima i padri Lelio da Piacenza, Teofilo da Rovigo, Zuanne Francesco da Fano, sostenendo soprattutto la candidatura del primo (1579 feb. 13)
55. Lettera di padre Paolo Facchetti, ministro provinciale, ai presidenti dell’Arca per non avere fatto un camino nella sua stanza (1579 ago. 29)

sigillo di cera impresso

56. Lettera di fra Leonardo Gobbino, cassiere del convento di San Francesco di Brescia, ai presidenti dell’Arca per ottenere il denaro che spetta a loro in base alla sentenza del tribunale di Verona (1579 set. 19)

sigillo di cera impresso

57. Lettera dei presidenti dell’Arca al predicatore affinché venga al più presto a Padova per la quaresima successiva (1579 ott. 8)
58. Lettera di Francesco Dabbo, presidente della Fossa Moncelesana, a Massimiano Beniamin, padre inquisitore e presidente dell’Arca, per i lavori di escavazione della Fossa Moncelesana (1579 ott. 8)

sigillo di cera impresso

59. Lettera di padre Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, ai presidenti dell’Arca sull’impossibilità di venire a Padova a predicare per la quaresima (1579 ott. 30)

sigillo di cera impresso

60. Lettera di Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, ai presidenti dell’Arca in cui si raccomanda che l’incarico di organista sia affidato sempre a un religioso e non a un secolare (1579 ott. 31)

sigillo di cera impresso

61. Minuta dei presidenti dell’Arca in merito ai requisiti che deve avere un organista per entrare nella Cappella musicale (1579 nov. 9)
62. Lettera dei presidenti dell’Arca a Giulio Perizzotto da Mantova, guardiano dei Minori conventuali di Brescia, relativa al mancato pagamento dei livelli da parte di padre Girelli (1579 nov. 9)

sul v: lettera dei presidenti dell’Arca ad Alessandro Zacco in merito al mancato pagamento dei livelli da parte del padre Girelli (1579 nov. 9)

63. Lettera di Alessandro Zacco ai presidenti dell’Arca in merito all’affrancazione del livello di padre Girelli (1579 nov. 18)

sigillo di cera impresso

64. Lettera di Alessandro Zacco ai presidenti dell’Arca per non poter venire a Padova per l’affrancazione del livello di padre Girelli per le abbondanti piogge (1579 nov. 18)

sigillo di cera impresso

65. Lettera dei presidenti dell’Arca a Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, per la nomina di padre Giovanni Antonio da Faenza, detto il Faentino, come predicatore per la quaresima successiva (1580 apr. 17)
66. Lettera di Pietro Antonio Camilli da Nocera Umbra, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per un’elemosina a favore del convento del Santo, fortemente danneggiato dalle abbondanti piogge (1580 apr. 30)

sigillo di cera impresso

67. Lettera di Girolamo Magri, notaio dell’Arca, a tale «magnifico et eccellentissimo signor mio» circa i lavori in corso in Anguillara (1580 mag. 11)
68. Lettera di Agostino Scudellari a Prosdocimo Fanton, fattore di città dell’Arca, per quando venire a Padova per stipulare un contratto di locazione su alcuni campi in Anguillara (1580 mag. 20)
69. Lettera dei presidenti dell’Arca ad Alessandro Zacco per un saldo parziale del debito di ducati 400 (1580 giu. 8)
70. Lettera del notaio dell’Arca ad Alessandro Zacco per avere ducati 100 come anticipo della somma da versare per gli affitti decorsi e non pagati (1580 giu. 22)
71. Lettera del notaio dell’Arca ad Alessandro Zacco per gli affitti decorsi e non pagati (1580 giu. 23)
72. Lettera di Alessandro Zacco ai presidenti dell’Arca per «far tibiare parte del mio formento perché di subito a ogni prezzo lo venderò» (1580 giu. 25)

tracce di sigillo di cera aderente

73. Lettera di Antonio Molino, affittuario all’Arzerello, a Prosdocimo Fanton, fattore dell’Arca, per pagamento canoni in natura (1580 ago. 4)

tracce di sigillo di cera aderente

74. Lettera di Massimiano Beniamin, padre inquisitore e presidente dell’Arca, agli altri colleghi per la vertenza in corso con i presidenti della Fossa Moncelesana (1580 ago. 19)

sigillo di cera impresso

75. Lettera dei presidenti dell’Arca in merito al campatico imposto dai Provveditori sopra i beni inculti per i danni del Retratto del Gorzon (1580 set. 12)
76. Lettera di Francesco Capodilista ai presidenti dell’Arca per la scadenza dei termini di pagamento del campatico (1580 set. 14)

sigillo di cera impresso

77. Lettera di Francesco Capodilista a Prosdocimo Fanton, fattore di città dell’Arca, sulla disponibilità a recarsi a Venezia per curare gli interessi dell’Arca (1580 set. 22)
78. Lettera di Silvio Bianco, avvocato, a Prosdocimo Fanton, fattore di città dell’Arca, di aver ricevuto il fascicolo processuale e di esaminarlo a breve (1580 set. 24)

sigillo di cera aderente

79. Lettera dei presidenti dell’Arca per il deposito di una somma di denaro presso il Monte di Pietà di Monselice da utilizzare nelle opere di bonifica della Fossa Moncelesana (1580 ott. 13)
80. Lettera di Girolamo Passera da Genova a Massimiano Beniamin, padre inquisitore, sullo stato dei lavori al palazzo dei presidenti a Tribano (1580 dic. 2)

sigillo di cera aderente

81. Lettera dei presidenti dell’Arca per la fornitura di calcina per sistemare il forno nel cortile di Agnolo Mellato (1580 dic. 5)
82. Lettera del vicario apostolico ai presidenti dell’Arca sul servizio come predicatore di padre Costanzo da Sarnano (1581 gen. 28)

tracce di sigillo di cera aderente

83. Lettera di Bartolomeo Salvadego a Nasimben Boschetto in merito al campatico che l’Arca deve pagare per i danni del Retratto del Gorzon (1581 gen. 29)
84. Lettera dei presidenti dell’Arca a Vincenzo Colonna sull’andamento del lavoro di riparazione dell’organo vecchio (1581 gen. 29)
85. Lettera dei presidenti dell’Arca a Bartolomeo Salvadego in merito al campatico imposto dai Provveditori sopra beni inculti per i danni del Retratto del Gorzon (1581 gen. 30)
86. Lettera di Francesco Ottaviano, cancelliere dell’Arca, a Vincenzo Colonna per aggiustare al più presto gli organi (1581 feb. 13)
87. Lettera dei presidenti dell’Arca a padre Antonio Fera da Piancastagnaio, ministro generale, per la nomina di padre Costanzo da Sarnano come predicatore per la quaresima successiva (1581 giu. 15)
88. Lettera di Antonio Anselmi a padre Giovanni Battista da Crema, guardiano, per l’impossibilità di prendere parte al collegio di Presidenza che si sta per riunire e per affidargli la delega del voto per le decisioni da prendere sui temi all’ordine del giorno (1581 giu. 30)

sigillo di cera impresso

89. Lettera di fra Agostino da Gallarate ai presidenti dell’Arca in cui si difende dalle maldicenze sul suo conto (1581 ago. 12)

sigillo di cera impresso

90. «Littere missive al reverendo padre maestro di Cappella» Bonifacio da Bologna (1581 set. 11)
91. «Littere missive al signor Hieronimo Zenoa conductor del Pizzon» (1581 set. 30)
92. Delibera in copia dell’Arca per accettare le scritture e le oblazioni offerte da Antonio Balzan (1582 [1581] dic. 29)
93. Lettera di Francesco Ottaviano in merito ai lavori a un altare (1582 gen. 5)
94. Lettera dei presidenti dell’Arca a Camillo Quarantotto, presidente nel 1578, per la vertenza relativa alla spesa di ducati 50 per sistemare la camera di padre Alvise Finardi (1582 mar. 10)
95. Lettera di Silvio Bianco, avvocato, ad Annibale Orsato, presidente, per la vertenza in corso presso i Provveditori sopra i beni inculti (1582 mar. 11)

sigillo di cera impresso

96. Lettera dei presidenti dell’Arca a Vincenzo Colonna per riaggiustare al più presto il nuovo organo (1582 mar. 12)
97. Lettera di Silvio Bianco, avvocato, ai presidenti dell’Arca circa l’iter della vertenza in corso presso i Provveditori sopra i beni inculti (1582 apr. 5)

tracce di sigillo di cera aderente

98. Lettera dei presidenti dell’Arca per il campatico imposto dai Provveditori sopra i beni inculti per i danni subiti nel Retratto del Gorzon (1582 apr. 20)
99. Lettera di Zuan Piero Rosso a Prosdocimo Fanton, fattore dell’Arca (1582 ott. 18)

tracce di sigillo di cera aderente

100. Appunto circa la vertenza tra l’Arca e Antonio Perotto per livelli decorsi e non pagati [post 1582]
101. Appunto per «la fabricha de l’angelo» [post 1582]
102. Supplica di fra Felice Spinelli, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario, poiché si trova «come si dice con le mani piene di vento» [post 1582 feb. 17-1605 nov. 16]
103. Supplica di fra Felice Spinelli, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per rendere più sicura la stanza in cui si trova, «perché per la lumiera del tetto che dà lume alla mia camera di sopra mi può venire gente in camera e non posso tennir cosa alcuna sicura di sopra» [post 1582 feb. 17-1605 nov. 16]
104. Lettera dei presidenti dell’Arca a Zuan Battista Tolentino, quaderniere, perché esibisca le sue scritture contabili per la revisione dei conti da parte dell’Arca (1583 gen. 12)
105. Lettera di Zuan Battista Tolentino, quaderniere, ai presidenti dell’Arca per completare le scritture contabili (1583 gen. 14)

sigillo di cera impresso

106. Lettera dei presidenti dell’Arca a Zuan Battista Tolentino, quaderniere, perché esibisca le sue scritture contabili per la revisione dei conti da parte dell’Arca (1583 gen. 16)
107. Lettera di Annibale Orsato, presidente, ad Alberto Conti, presidente, per sostituire Gaspare Benedetti nella riunione del collegio di Presidenza (1583 gen. 18)
108. Lettera dei presidenti dell’Arca a Zuan Battista Tolentino, quaderniere, per visionare i conti del presidente cassiere (1583 feb. 1°)
109. Lettera di Giacomo Soranzo ai presidenti dell’Arca in cui raccomanda padre [Giulio Montemelino] da Montone come predicatore per la quaresima successiva (1583 feb. 7)

sigillo di cera impresso

110. Decreto in copia del Senato per i debitori del campatico nel Retratto del Gorzon (1583 feb. 28)
111. Lettera dei presidenti del Retratto del Gorzon ai presidenti dell’Arca «per comodare le partite per saldare il debito della Veneranda Archa per conto de’ suoi campade-ghi» (1583 mar. 26)
112. Lettera di Silvio Bianco, avvocato, a Prosdocimo Fanton, fattore di città dell’Arca, per il debito dei campatici non pagati dall’Arca ai presidenti del Retratto del Gorzon (1583 apr. 3)

tracce di sigillo di cera aderente

113. Lettera di Silvio Bianco, avvocato, a Prosdocimo Fanton, fattore di città dell’Arca, per il rimborso delle spese sostenute e per l’invio di alcune scritture processuali (1583 apr. 5)
114. «Littere scritte all’eccellentissimo Silvio Bianco», avvocato (1583 ago 27)
115. Lettera di Silvio Bianco, avvocato, ai presidenti dell’Arca per gli affari dell’Arca in corso a Venezia (1583 ago. 29)

tracce di sigillo di cera aderente

116. «Memoriale al molto illustrissimo et reverendissimo cardinale [Filippo] Guastavi-lani»: supplica dei presidenti dell’Arca per far restaurare l’acquedotto per raccogliere le acque dal tetto della chiesa e del primo chiostro del convento vicino alla sagrestia [ricevuto ante 1583 dic. 22], riscontri puntuali a cc. 59-60 del reg. 2.7 (8)
117. Lettera dei presidenti dell’Arca a Filippo Guastavillani, cardinale e «protettor della religione de Minori conventuali» in cui si riferisce dell’incompiuta opera di interramento dell’acquedotto (1583 dic. 22)
118. Lettera di Filippo Guastavillani, cardinale, ai presidenti dell’Arca per rimettere in funzione l’acquedotto e farvi apporre vicino delle inferriate per sbarrare l’ingresso agli estranei (1584 gen. 7)

sigillo di cera impresso

119. Lettera dei presidenti dell’Arca a Filippo Guastavillani, cardinale e «protettor della religione de Minori conventuali» in cui lo si informa che non vi è alcun bisogno di inferiate di ferro «poiché l’aquedotto è fatto in tal maniera che da parte alcuna non si può entrare nel convento» (1584 gen. 16)
120. Lettera dei presidenti dell’Arca a Bello Trombetta per essere convocato in collegio di Presidenza (1584 gen. 27)
121. Lettera dei presidenti dell’Arca ad Ottavio Polcastro affinché si rechi a controllare gli argini del Fiumesello (1584 gen. 27)
122. Lettera dei presidenti dell’Arca a Giacomo Soranzo, in cui si accetta la sua raccomandazione a favore di padre Mentone come predicatore (1584 mar. 9)
123. Lettera dei presidenti dell’Arca a Silvio Bianco, avvocato, affinché si informi sulle modalità di pagamento del campatico e proceda con i processi in corso a Venezia (1584 mar. 9)
124. Lettera dei presidenti dell’Arca al ministro provinciale affinché Massimiano da Venezia continui il suo incarico come maestro di grammatica dei fratini (1584 mag. 1°)
125. Lettera dei presidenti dell’Arca ad Annibale Facino da Monselice per convocarlo in merito ai lavori di rifacimento dell’argine di Fiumesello (1584 mag. 17)
126. Lettera dei presidenti dell’Arca a Silvio Bianco, avvocato, per inviare l’oblazione a Zuan Battista Tolentino, quaderniere, in seguito alla relativa vertenza (1584 giu. 30)
127. Lettera dei presidenti dell’Arca a Silvio Bianco, avvocato, per inviare l’oblazione a Zuan Battista Tolentino, quaderniere, in seguito alla relativa vertenza (1584 ago. 2)
128. Appunto di Giovanni da Lion (1584 ago. 21)
129. Lettera dei presidenti dell’Arca a Clemente Bontadosi da Montefalco, ministro generale, per la nomina di padre Ludovico d’Acquapendente come predicatore per la quaresima successiva (1584 dic. 28)
130. Carteggio per le spese sostenute da Annibale Faccin, affittuario dell’Arca, per la possessione del Pizzon (1584 dic. 31-1598 apr. 14)

fasc. cart, tracce di sigillo di cera impresso (c. 1)

131. Lettera di Clemente Bontadosi da Montefalco, ministro generale, ai presidenti dell’Arca sull’impossibilità di mandare padre Ludovico d’Acquapendente come predicatore per la quaresima successiva, essendo quest’ultimo impegnato a Genova (1585 gen. 6)

sigillo di cera impresso

132. Lettera dei presidenti dell’Arca a Maturin, costruttore di campane a Treviso, affinché presenti la sua polizza sigillata per concorrere alla realizzazione della campana (1585 gen. 16)
133. Lettera di Beneto, detto Dugo, falegname, ai presidenti dell’Arca per la fornitura di legname per la cupola dell’angelo (1585 feb. 6)

tracce di sigillo di cera aderente

134. Lettera dei presidenti dell’Arca all’abate Olzigna da San Benetto, figlio del q. Marco presidente cassiere nel 1575, per chiedergli la restituzione del registro dei mandati di pagamento e del giornale di cassa di suo padre (1585 feb. 14)
135. Lettera di Matteo «Grison, marangon a San Biasio», ai presidenti dell’Arca in cui offre il proprio lavoro e la fornitura di legname necessaria per la cupola dell’angelo (1585 feb. 18)

sigillo di cera impresso

136. Lettera di fra Alberto Olzignano, vicario del ministro generale, ai presidenti dell’Arca in cui afferma di non essere autorizzato a visionare la posta inviata al ministro generale e quindi di non poter verificare se siano giunti i conti e i mandati della Veneranda Arca (1585 feb. 23)

sigillo di cera impresso

137. «Poliza de misser Antonio marangon da Rovigo», «Opera che se à da far sul campagnel da l’anzolo» (1585 feb. 25)

sigillo di cera aderente

138. Lettera dei presidenti dell’Arca a Silvio Bianco, rappresentante legale in Venezia, per inviargli documenti e sommari (1585 mar. 14)
139. Lettera di Silvio Bianco, avvocato, ai presidenti dell’Arca, in cui dichiara di aver ricevuto le scritture processuali necessarie (1585 mar. 15)

sigillo di cera impresso

140. Lettera dei presidenti dell’Arca a Silvio Bianco, rappresentante legale in Venezia, per chiedergli se sia possibile evitare i pagamenti delle ultime rate per la vertenza in corso contro i Provveditori sopra i beni inculti (1585 mar. 17)
141. Lettera dei presidenti dell’Arca a Silvio Bianco, rappresentante legale in Venezia, per chiedergli aggiornamenti circa la vertenza in corso contro i Provveditori sopra i beni inculti (1585 mar. 20)
142. Lettera dei presidenti dell’Arca a Clemente Bontadosi da Montefalco, ministro generale, per la nomina di padre Ludovico d’Acquapendente come predicatore per la quaresima successiva (1585 apr. 30)
143. Lettera di Clemente Bontadosi da Montefalco, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Ludovico d’Acquapendente come predicatore per la quaresima successiva (1585 giu. 28)

sigillo di cera impresso

144. Supplica di Giovanni Battista Remoletta, suonatore di trombone, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio [post 1585 ago. 9-1590 giu. 3]
145. «Inventario delli libri, mandati, polizze et altri istromenti e scritture della Veneranda Arca sopradetta de commissione delli reverendi e magnifici presidenti di essa consignati a misser Giulio di Mazi, nodaro, eletto al finir di essi libri, scritto per Francesco Ottavian, nodaro di detta Veneranda Arca» (1585 nov. 27)
146. Lettera dei presidenti dell’Arca a Clemente Bontadosi da Montefalco, ministro generale, per ringraziarlo per la nomina di padre Ludovico d’Acquapendente come predicatore per la quaresima successiva (1585 nov. 29)
147. Lettera dei presidenti dell’Arca a Silvio Bianco, rappresentante legale in Venezia, con cui gli inviano ducati 10 per la vertenza in corso contro i Provveditori sopra i beni inculti (1585 dic. 7)
148. Supplica di fra Ludovico Balbi, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca per far sistemare la camera in cui vive [1585-1591]

4) Lettere e carteggio (1586 gen. 29-1592 nov. 3)

fasc. contenente docc. 1-149

1. Lettera di Francesco Calza ai presidenti dell’Arca per scusarsi della sua assenza da Padova, avendo trascorso il carnevale a Venezia (1586 gen. 29)
2. Minuta della delibera sulle modalità di votazione per le spese straordinarie e per l’aumento dei salari dei dipendenti e dei cantori all’interno del collegio di Presidenza (1586 feb. 12)
3. Supplica di padre Salvatore Bartolucci di Assisi, pubblico metafisico, ai presidenti dell’Arca «di fargli accomodar quel muro del suo horto accioché l’inondatione d’acque non venghino ad annegar l’herbe et le piante» (1586 mar. 15)
4. Lettera del cardinale Ferdinando de’ Medici ai presidenti dell’Arca per proporre un accordo (1586 mar. 19)

sigillo di cera impresso

5. Lettera dei presidenti dell’Arca al cardinale Ferdinando de’ Medici per il legato testamentario di 500 scudi del q. Paolo Giordano Orsini, duca di Bracciano, per l’offerta di un calice d’oro a sant’Antonio (1586 mar. 21)
6. Verbale della comparizione in cancelleria pretoria di Prosdocimo Fanton, fattore di città dell’Arca, per chiedere la registrazione all’ufficio del Sigillo di due sequestri ordinati dal podestà (1586 apr. 16)
7. Lettera dei presidenti dell’Arca al cardinale Ferdinando de’ Medici per il legato testamentario di 500 scudi del q. Paolo Giordano Orsini, duca di Bracciano, per l’offerta di un calice d’oro a sant’Antonio (1586 apr. 18)
8. Lettera dei presidenti dell’Arca a Silvio Bianco, avvocato, affinché porti avanti l’iter processuale contro i Provveditori sopra i beni inculti (1586 apr. 26)
9. Lettera di Silvio Bianco, avvocato, ai presidenti dell’Arca in cui li informa della nomina di Piero Badoer come avvocato fiscale dei Provveditori sopra i beni inculti nella vertenza in corso (1586 apr. 27)

sigillo di cera aderente

10. Lettera dei presidenti dell’Arca sulla risoluzione di una vertenza (1586 apr. 28)
11. Lettera dei presidenti dell’Arca a Clemente Bontadosi da Montefalco, ministro generale, per la nomina di padre Giovanni Battista da Lecce come predicatore per la quaresima successiva (1586 mag. 4)
12. Lettera di Clemente Bontadosi, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Giovanni Battista da Lecce come predicatore per la quaresima successiva (1586 mag. 7)

tracce di sigillo di cera aderente

13. Lettera dei presidenti dell’Arca a Giovanni Maria Livello, presidente, in cui lo ragguagliano delle decisioni prese in collegio relative all’apparato della festa del santo (1586 mag. 9)
14. Lettera di Zuan Maria Livello, presidente, a padre Marc’Antonio Calafà, presidente, per avere i migliori arazzi e tessuti per preparare l’apparato per la festa del santo (1586 mag. 30)
15. «Informazione», carteggio per la condotta di Zuan Battista Tolentino come quaderniere (1586 lug. 14-1586 ago. 22)
16. Supplica di un affittuale, non sottoscritta, ai presidenti dell’Arca per dilazionare il pagamento del suo debito (1586 ago. 8)
17. Lettera di Giulio Mazzo, addetto alla tenuta dei registri delle entrate, ai presidenti dell’Arca in cui si impegna a completare entro la settimana il «libro de’ resti» per l’anno 1585 e chiede lire 110 oltre al compenso pattuito [ricevuta il 1586 ago. 8]
18. Lettera dei presidenti dell’Arca a Iseppo Olivieri in Venezia per chiedergli la collaborazione per la fattura di un calice del valore di 500 scudi (1586 dic. 17)
19. «Condotta di maestro Batista Tibaldo», falegname e piombista (1586 dic. 31)
20. Memoria dei presidenti dell’Arca ai rettori di Padova circa la definizione della loro giurisdizione e delle loro competenze sulla chiesa e sul convento del Santo [post 1586]
21. Lettera di Riccardo Trevisan ai presidenti dell’Arca, per essere sostituito da Pietro, suo fratello, nel collegio di Presidenza, non trovandosi a Padova (1587 gen. 14)

sigillo di cera impresso

22. Lettera di Flaminio Carriero ai presidenti dell’Arca, per l’invio delle carte relative alla vertenza in corso contro Bartolomeo Sorte, suonatore di trombone (1587 gen. 17)

sigillo di cera impresso

23. Lettera di Flaminio Carriero ai presidenti dell’Arca sulla sua udienza presso il Pien Collegio di Venezia (1587 gen. 20)

sigillo di cera impresso

24. Supplica di fra Felice Spinelli, musico tenore, ai presidenti dell’Arca «che per pietà volessero assicurarmi in camera attento che per il baorale o lumiera de i coppi mi possono venir in camera i ladri e rubbarmi ogni cosa» [ricevuta il 1587 apr. 10]
25. Lettera dei presidenti dell’Arca a Evangelista Pellei da Force, ministro generale, per la nomina di padre Valerio Polidoro, già guardiano del Santo, come predicatore per la quaresima successiva (1587 giu. 1°)
26. Lettera dei presidenti dell’Arca a Silvio Bianco, loro avvocato, sulla causa contro gli eredi di Agostino Scudellari (1587 giu. 18)
27. Lettera di Evangelista Pellei da Force, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Valerio Polidoro come predicatore per la quaresima successiva (1587 giu. 26)

sigillo di cera impresso

28. Appunto sulle lettere inviate a Vincenzo Colonna per la riparazione dell’organo [post 1587 lug.- ante 1587 ott. 4]
29. Lettera dei presidenti dell’Arca a Vincenzo Colonna sullo stato dell’organo del Santo da riparare (1587 ago. 4)
30. Lettera dei presidenti dell’Arca a Vincenzo Colonna sullo stato dell’organo del Santo da riparare (1587 set. 6)
31. Lettera dei presidenti dell’Arca a Vincenzo Colonna in cui dichiarano che dopo diverse lettere inviate senza ricevere risposta provvederanno autonomamente al restauro dell’organo (1587 ott. 4)
32. Lettera dei presidenti dell’Arca a padre Giulio Curtivo, guardiano del Santo, sulla decisione presa in accordo con il cassiere di eleggere due musicisti (1587 nov. 27)
33. Lettera dei presidenti dell’Arca a padre Valerio Polidoro, guardiano, per differire a dopo Natale la lettura dell’istanza di Bartolomeo Sorte, suonatore di trombone, riscontri puntuali con il vol. 11.51 (203) al fasc. 7 (1587 dic. 12)
34. Lettera di padre Valerio Polidoro, guardiano, ai presidenti dell’Arca per alcuni aggiornamenti su due vertenze in corso, quella contro Bartolomeo Sorte, suonatore di trombone, e quella contro la Comunità di Padova per l’altare del Santo (1587 dic. 13)

sigillo di cera impresso

35. Lettera di padre Valerio Polidoro, guardiano, e di Riccardo Trevisan, presidente cassiere, ai presidenti dell’Arca sulla loro udienza presso il Pien Collegio di Venezia (1587 dic. 15)

sigillo di cera impresso

36. Lettera di padre Valerio Polidoro, guardiano, e di Riccardo Trevisan, presidente cassiere, ai presidenti dell’Arca sulla loro udienza presso il Pien Collegio di Venezia (1587 dic. 18)

sigillo di cera impresso

37. Lettera dei presidenti dell’Arca a Flaminio Carriero, loro rappresentante legale in Venezia, perché ottenga lo spostamento dell’udienza fissata per il 20 gennaio (1588 gen. 16)
38. Lettera di padre Valerio Polidoro, guardiano, e di fra Lorenzo Bellano ai presidenti dell’Arca sull’iter processuale delle vertenze contro Bartolomeo Sorte, suonatore di trombone, e contro la Comunità di Padova per l’altare del Santo (1588 gen. 21)

sigillo di cera impresso

39. Lettera di fra Lorenzo Bellano e di fra Bernardino de Bolis, sagrestani, ai presidenti dell’Arca per spendere una somma di ducati 100 per comprare paramenti e quant’altro indispensabili «per la messa maggiore per le feste minori» [1588 gen. 21-1601 gen. 8]
40. Supplica di fra Lorenzo Bellano e di fra Bernardino de Bolis, sagrestani, ai presidenti dell’Arca per acquistare pianete, piviali e camici bianchi per le celebrazioni liturgiche [1588 gen. 21-1601 gen. 8]
41. Supplica di fra Lorenzo Bellano, sagrestano, ai presidenti dell’Arca per ottenere un’elemosina [1588 gen. 21-1601 gen. 8]
42. Lettera dei presidenti dell’Arca a Flaminio Carriero per la vertenza in corso contro la Comunità di Padova (1588 gen. 22)
43. Lettera di padre Valerio Polidoro, guardiano, e di fra Lorenzo Bellano ai presidenti dell’Arca sulla loro udienza presso il Pien Collegio di Venezia (1588 gen. 23)

sigillo di cera impresso

44. Lettera dei presidenti dell’Arca al ministro provinciale per reperire un sostituto «c’habbia qualche prattica di salmaneggio» (1588 feb. 27)
45. Lettera di padre Domenico Veneziano, ministro provinciale, ai presidenti dell’Arca per essere sostituito nella riunione del collegio di Presidenza da padre Salvatore Bartolucci di Assisi, pubblico metafisico (1588 feb. 28)

sigillo di cera impresso

46. Lettera dei presidenti dell’Arca al ministro provinciale per ragguagliarlo sulla vertenza in corso con la Comunità di Padova per l’ornamento dell’altare della chiesa del Santo (1588 mar. 2)
47. Lettera di Evangelista Pellei da Force, ministro generale, ai presidenti dell’Arca in cui dichiara che «la magnifica Comunità di Padua non ha raggione alcuna da ingerirsi in questo fatto, né per fondatione dell’entrate dell’Arca, né per statuti di superiore ordinarii, né per dispositione della sede apostolica, né per deliberatione dell’illustrissima Signoria» (1588 mar. 5)

sigillo di cera impresso

48. Lettera dei presidenti dell’Arca al ministro provinciale per ragguagliarlo sulla vertenza in corso con la Comunità di Padova per l’ornamento dell’altare della chiesa del Santo (1588 mar. 9)
49. Supplica di fra Agostino da Ferrara, cantore, ai presidenti dell’Arca per ottenere il pagamento del suo stipendio [ricevuta il 1588 mar. 26]
50. Lettera di padre Domenico Veneziano, ministro provinciale, ai presidenti dell’Arca per la concessione di una licenza a Ludovico Balbi, maestro di Cappella (1588 mar. 27)

sigillo di cera impresso

51. Lettera dei presidenti dell’Arca a Giovanni Battista Falaguasta, ministro generale, sulla richiesta dell’aumento di stipendio presentata da Ludovico Balbi, maestro di Cappella (1588 apr. 1°)
52. Lettera dei presidenti dell’Arca a Zuan Pietro Piazzalonga, orefice all’Orso a Rialto a Venezia, per far dorare i festoni e altre parti del tabernacolo d’argento (1588 apr. 26)
53. Lettera di Flaminio Carriero ai presidenti dell’Arca per l’avvenuto scambio di citazioni con Paolo Bianco, avvocato della Comunità di Padova (1588 apr. 28)

sigillo di cera impresso

54. Lettera di Zuan Piero Piazzalonga, orefice all’Orso a Rialto a Venezia, ai presidenti dell’Arca per la doratura dei festoni (1588 apr. 28)
55. Lettera dei presidenti dell’Arca ad Annibale Facin sull’esiguità delle loro finanze e sulla necessità di moderare le spese (1588 mag. 4)
56. Lettera di Annibale Facin ai presidenti dell’Arca, in cui si scusa del mancato invio del denaro ricavato dalla vendita della legna (1588 mag. 15)

sigillo di cera impresso

57. Vertenza tra i padri del Santo e gli studenti dello Studio per un legato testamentario (1588 mag. 21-1602 feb. 19)

traccia di gora d’acqua nell’angolo sup. destro

58. Carteggio degli studenti dello Studio del Santo a Evangelista Pellei da Force, ministro generale, per la vertenza tra questi e il ministro provinciale per un legato testamentario (1588 mag. 21-1602 feb. 16)
59. Lettera di Flaminio Carriero ai presidenti dell’Arca in cui chiede istruzioni per le due vertenze in corso, ovvero una per il pagamento del campatico nel Retratto del Gorzon e una contro la Comunità di Padova per l’altare del Santo (1588 giu. 1°)

tracce di sigillo di cera aderente

60. Lettera dei presidenti dell’Arca a Evangelista Pellei da Force, ministro generale, per la nomina di padre Giulio da Ferrara come predicatore per la quaresima successiva (1588 giu. 1°)
61. Lettera di Evangelista Pellei da Force, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Giulio da Ferrara come predicatore per la quaresima successiva (1588 giu. 15)

sigillo di cera impresso

62. Lettera dei presidenti dell’Arca a Evangelista Pellei da Force, ministro generale, per la venuta a Padova di padre Giulio da Ferrara, predicatore eletto per la quaresima (1588 lug. 20)
63. Lettera di Evangelista Pellei da Force, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Giulio da Ferrara come predicatore per la quaresima successiva (1588 ago. 2)

sigillo di cera impresso

64. Lettera di Francesco Codazzo a Francesco Ottaviano, cancelliere dell’Arca, per reclamare il suo stipendio (1588 ago. 20)

sigillo di cera aderente

65. Lettera di fra Costanzo Rasso ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario o la concessione di una mansionaria [ricevuta il 1588 ago. 27]
66. Lettera di Girolamo Della Rovere, cardinale, a Marc’Antonio Calafà, guardiano del Santo, per raccomandare padre Antonio Dorati da Padova come maestro di grammatica per i fratini (1588 set. 10)

sigillo di cera impresso

67. Lettera di Francesco Ottaviano, cancelliere dell’Arca, ad Annibale Faccin per la riscossione dell’affitto (1588 set. 12)
68. Lettera dei presidenti dell’Arca a padre Agostino da Bassano per la sua nomina a maestro di grammatica dei fratini (1588 set. 14)
69. Lettera di Zuan Piero Piazzalonga, orefice all’Orso a Rialto a Venezia, a Marc’Antonio Calafà, guardiano del Santo, affinché i presidenti dell’Arca mandino qualcuno a ritirare il tabernacolo, la cui indoratura è completata da tempo (1588 set. 20)
70. Lettera di Annibale Faccin a Francesco Ottaviano, cancelliere dell’Arca, per la riscossione dell’affitto (1588 set. 21)

sigillo di cera impresso

71. Lettera di Marcello Barison a Francesco Ottaviano, cancelliere dell’Arca, per essere sostituito dal fratello nella riunione del collegio di Presidenza (1588 ott. 12)

sigillo di cera impresso

72. Lettera dei frati Antonio Maria da Stra e Lorenzo Tentorelli, ai presidenti dell’Arca in cui li pregano «che all’incominciato favor fattosi col lasciar la cancelleria vecchia, che al presente a noi serve per camera, vogliono agiunger la perfetione con ordinare che alla detta camera sii fatta una cusina» [ricevuta il 1588 nov. 6]
73. Lettera di Flaminio Carriero a Francesco Ottaviano, cancelliere dell’Arca, in cui lo aggiorna del procedere della vertenza contro i presidenti del Retratto del Gorzon (1588 nov. 28)

sigillo di cera impresso

74. Lettera di Francesco Maria Longo a Ludovico Balbi, maestro di Cappella, per campi 12 detti «le Matthiesse» (1588 dic. 1°)

sigillo di cera impresso

75. Lettera dei presidenti dell’Arca per la nomina di fra Giovanni da Polcenigo come maestro di grammatica dei fratini in sostituzione di padre Agostino da Bassano, che non ha mai preso servizio (1588 dic. 3)
76. Lettera dei presidenti dell’Arca al loro rappresentante legale in Venezia affinché dia corso alla denuncia e facciano condannare dalla Quarantia Criminal «li sturbatori delli lochi di essa» (1588 dic. 11)
77. Lettera di padre Domenico Veneziano, ministro provinciale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Giovanni da Polcenigo come maestro dei novizi (1588 dic. 18)

sigillo di cera impresso

78. Lettera di padre Giovanni da Polcenigo ai presidenti dell’Arca in cui accetta l’incarico di maestro dei novizi (1588 dic. 19)

sigillo di cera impresso

79. Appunto per una lettera dei presidenti dell’Arca da inviare a fra Giovanni da Polcenigo per la sua nomina a maestro di grammatica dei fratini [ante 1588 dic. 22]
80. Lettera dei presidenti dell’Arca per la nomina di fra Giovanni da Polcenigo a maestro di grammatica dei fratini (1588 dic. 22)
81. Minuta della delibera sulle modalità assunzione dei cantori della Cappella musicale per il solo arco di un anno e con successive riconferme e riballottazioni di anno in anno (1588 dic. 27)
82. «Intimatio del [Zuan Francesco] Codazzo» in duplice copia per alcuni danni causati dalle inondazioni nella possessione della Calà in Anguillara [1588-1589]
83. Lettera di Flaminio Carriero ai presidenti dell’Arca in cui allega la sentenza della Quarantia criminal circa i danni che possono essere stati arrecati all’Arca con le operazioni di escavazione del canale del Pizzon (1589 gen. 1°)

sigillo di cera impresso

84. Lettera dei presidenti dell’Arca a Flaminio Carriero per riconsegnare alcune scritture processuali (1589 gen. 8)
85. Lettera di padre Costanzo da Sarnano, cardinale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Modesto Gavazzi da Ferrara come predicatore per la quaresima successiva (1589 apr. 22)

sigillo di cera impresso

86. Lettera non firmata ai presidenti dell’Arca che propone l’acquisizione di campi nel Padovano a particolari condizioni [ricevuta il 1589 giu. 15]
87. Supplica di Ludovico Balbi, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca per ottenere una licenza in modo da assolvere al suo nuovo incarico di custode della Custodia di Venezia [ricevuta il 1589 giu. 27]
88. Supplica di alcuni musici della Cappella musicale ai presidenti dell’Arca per essere dispensati dalle puntadure nelle processioni, eccetto quella del Corpus Domini e quella del Santo, riscontri puntuali a c. 58v del reg. 2.9 (10), [ricevuta il 1589 giu. 27]
89. Lettera dei presidenti dell’Arca a Girolamo Della Rovere, cardinale, per procrastinare l’incarico di Ludovico Balbi a maestro di Cappella in attesa del suo sostituto (1589 lug. 28)
90. Lettera dei presidenti dell’Arca a Costanzo da Sarnano, cardinale, in cui si informa dell’elezione di padre Modesto [Gavazzi] da Ferrara come predicatore per la quaresima successiva (1589 lug. 28)
91. Lettera di Vincenzo Querini a Francesco Pigna, presidente cassiere, in merito al maestro di Cappella (1589 ago. 5)

sigillo di cera impresso

92. Lettera di Girolamo Della Rovere, cardinale, ai presidenti dell’Arca per comunicare che Ludovico Balbi, eletto custode della Custodia di Venezia, possa continuare a esercitare l’ufficio di maestro di Cappella al Santo (1589 ago. 5)

sigillo di cera impresso

93. Lettera dei presidenti dell’Arca a Girolamo Della Rovere, cardinale, a Roma nella quale ringraziano per il servizio di Ludovico Balbi come maestro di Cappella (1589 ago. 11)
94. Lettera di padre Costanzo da Sarnano, cardinale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Modesto Gavazzi da Ferrara come predicatore per la quaresima successiva (1589 set. 16)

sigillo di cera impresso

95. Lettera dei presidenti dell’Arca a Evangelista Pellei da Force, ministro generale, per il rifiuto da lui opposto sulla nomina di padre Tumella come predicatore per la quaresima successiva [ricevuta il 1589 dic. 3]
96. Lettera di Senio Briciardi, orefice padovano, ai presidenti dell’Arca per la realizzazione di una lampada d’argento [ricevuta il 1589 dic. 15]
97. Lettera di padre Costanzo da Sarnano, cardinale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Modesto Gavazzi da Ferrara come predicatore per la quaresima successiva (1590 gen. 11)

sigillo di cera impresso

98. Lettera dei presidenti dell’Arca sull’esiguità delle loro finanze e sulla necessità di moderare le spese (1590 feb. 9)
99. Lettera dei presidenti dell’Arca a Girolamo Gloria sull’allestimento dell’apparato per la festa del santo, perché si rechi con Alessandro Garoni nel ghetto di Padova «e co[m]perarsi che s’habbino tanti cuori d’oro che facessero tal apparato et, non potendosi havere, provveder almeno de’ belli razzi» (1590 mag. 26)
100. Lettera dei presidenti dell’Arca a Prosdocimo Fanton, fattore di città, in cui si afferma di non avere a disposizione abbastanza «razzi che siano bastevoli per far l’intiero apparato» (1590 giu. 3)
101. Lettera dei presidenti dell’Arca a Flaminio Carriero per l’invio del carteggio e del sommario per la vertenza contro i Provveditori sopra i beni inculti (1590 giu. 24)
102. Lettera di Flaminio Carriero ai presidenti dell’Arca per l’invio di scritture processuali (1590 giu. 26)

sigillo di cera impresso

103. Lettera dei presidenti dell’Arca a Flaminio Carriero per l’invio del carteggio e del sommario per la vertenza contro i Provveditori sopra i beni inculti (1590 giu. 27)
104. Lettera di Flaminio Carriero ai presidenti dell’Arca per l’invio di scritture proces-suali (1590 lug. 2)

sigillo di cera impresso

105. Supplica di fra Felice Spinelli, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per essere riconfermato nel suo incarico (1590 lug. 7)
106. Lettera dei presidenti dell’Arca a Flaminio Carriero per l’invio del carteggio e del sommario per la vertenza contro i Provveditori sopra i beni inculti (1590 lug. 9)
107. Lettera ai presidenti dell’Arca circa la possibilità di procurarsi buone campane da artigiani veneziani (1590 ago. 29)

sigillo di cera impresso

108. Supplica del maestro delle arti, non precisato, dello Studio teologico del Santo per far fare una «banca lunga» per far sedere comodamente i fratini durante le lezioni e per far accomodare «una parte del fenestrale, che è tutto sotto sopra» [ricevuta il 1590 set. 22]
109. Lettera di Girolamo Salvatico a Francesco Ottaviano, cancelliere dell’Arca, per produrre un’intromissione a una delibera nel prossimo collegio di Presidenza (1590 ott. 4)

sigillo di cera impresso

110. Lettera di fra Marino Moro a padre Giovanni Battista da Crema, guardiano del Santo, in cui gli manda in allegato un «breviario in quarto legato» (1590 ott. 17)

sigillo di cera impresso

111. Lettera di Flaminio Carriero ai presidenti dell’Arca per aggiornarli sul procedere della vertenza in corso contro i presidenti di Conselve e contro i presidenti del Retratto del Gorzon (1590 ott. 22)

tracce di sigillo di cera aderente

112. Lettera dei presidenti dell’Arca ad Almorò Pisani per informarlo della nomina di quattro presidenti da inviare in Anguillara per la definizione dei rispettivi confini e per i lavori agli argini al Traversagno (1590 nov. 22), riscontri puntuali con la delibera in data 1590 nov. 21, a cc. 117v-118 del reg 2.8 (9)
113. Lettera dei presidenti dell’Arca a Francesco Bonfigli da Gualdo Tadino, ministro generale, per l’elezione di padre Filippo Gesualdi da Castrovillari come predicatore per la quaresima successiva (1590 nov. 29)
114. Supplica di Ludovico Balbi, maestro di Cappella, ai presidenti dell’Arca in cui chiede di far alzare «un muro sopra il maestrale della cusina del reverendo padre maestro Cesare e sopra la sua cucina farmi una cucinetta e sopra ad ognun un forno di camerino e levar via quel camino della entrata e farli una fenestra simili ad altra» (1590 ago. 31 [ricevuta il 1590 dic. 3])
115. Lettera di fra Cornelio Giordano, sagrestano, ai presidenti dell’Arca per far sistemare la tettoia che ripara la legnaia [ricevuta il 1590 dic. 3]
116. Lettera di Giuliano Causi da Mogliano, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Gesualdo come predicatore per la quaresima successiva (1590 dic. 7)

sigillo di cera impresso

117. Lettera di Giovanni Pisani ai presidenti dell’Arca per i lavori da farsi al Traversagno e la definizione dei rispettivi confini (1590 dic. 12)

sigillo di cera impresso

118. Supplica di fra Giulio, suonatore di trombone, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio (1590 dic. 14)»
119. Lettera di Giulio e Antonio Borghesan, musici, ai presidenti dell’Arca per esprimere la loro contrarietà alle disposizioni emanate dall’Arca sul pagare a proprie spese le cotte e le berrette con la croce da indossare durante i concerti [post 1590]
120. Lettera di Matteo Zinotti a Prosdocimo Fanton, fattore dell’Arca, per lavori di manutenzione al Pizzon (1591 gen. 28)

sigillo di cera aderente

121. Supplica dei presidenti dell’Arca al doge di Venezia per pronunciare la sentenza della vertenza tra l’Arca e i deputati ad utilia di Padova in merito all’ornamento dell’altare della basilica di Sant’Antonio [post 1591 mar. 4, riscontri puntuali a cc. 102v-103 del reg. 2.9 (10)]
122. Lettera dei presidenti dell’Arca a Giovanni Pisani per non potersi recare al Pizzon per alcuni affari importanti da sbrigare (1591 mar. 6)
123. Lettera di Giovanni Pisani ai presidenti dell’Arca per i lavori da farsi in Anguillara e la definizione dei rispettivi confini (1591 mar. 25)

sigillo di cera impresso

124. Lettera dei presidenti dell’Arca a Giovanni Pisani per non potersi recare ad Anguillara per la vertenza in corso con i rettori di Padova (1591 mar. 30)
125. «Littera al reverendissimo generale per illustrissimo padre Ravenna», lettera dei presidenti dell’Arca a Francesco Bonfigli da Gualdo Tadino, ministro generale, per la nomina di padre Zaccaria Ravenna come predicatore per la quaresima successiva (1591 giu. 12)
126. Supplica dei presidenti dell’Arca al doge di Venezia perché invii «littere direttive a detti illustrissimi signori rettori [di Padova] per l’espeditione della causa» in corso tra l’Arca e la Comunità di Padova per l’ornamento dell’altare del Santo (1591 giu. 19)
127. Lettera di fra Girolamo Formentoni, organista, ai presidenti dell’Arca per l’udienza avuta con il Collegio sopra le biave di Venezia (1591 giu. 22)

sigillo di cera impresso

128. Lettera dei presidenti dell’Arca a padre Zaccaria Ravenna, predicatore, per chiedere ulteriori spiegazioni circa la sua impossibilità di essere a Padova durante la quaresima (1591 set. 6)
129. Lettera di Giulio Brazolo, presidente, per non poter corrispondere la somma di ducati 10 per l’acquisto di libri per il padre Filippo Gesualdi da Castrovillari, predicatore la quaresima passata, dal momento che quest’ultimo non ha con sé i propri (1591 ago. 3)
130. Minuta della delibera dell’Arca per la decorazione dell’altare del Santo [ricevuta il 1591 ago. 7]
131. Supplica di fra Girolamo Formentoni, organista, ai presidenti dell’Arca per essere sostituito all’organo da fra Gaspare Rampo da Padova (1591 ago. 20)
132. «Suplica de Paulo Chioin dito Rosso in proposito di tenir attacato un suo molino all’arzere dell’Adese nel loco del Pizzon» (1591 ott. 25)
133. Supplica di fra Felice Spinelli, musico tenore, ai presidenti dell’Arca per il rimborso delle spese sostenute per sistemare la propria stanza, «la qual è la prima et maggior nel Dormitorio» (1591 nov. 14)
134. Minuta della delibera dell’Arca per la concessione di un’elemosina alla vedova di Francesco Dal Sole [post 1591]
135. Supplica di fra Girolamo Formentoni, organista, ai presidenti dell’Arca per far riparare l’organo vecchio «di tal maniera in fracasso, che hora non si suona se non con derisione del honor de’ Dio» [1591-1593]
136. Minuta della delibera per la gestione della cassa dell’Arca (1592 feb. 25)
137. Minuta del contratto di locazione tra i presidenti dell’Arca e Milan di Marchi q. Giacomo, abitante in Anguillara (1592 feb. 28)
138. Lettera di padre Ludovico Albuzzi da Saronno, vicario generale apostolico, ai presidenti dell’Arca per perorare la causa di padre Zaccaria [Ravenna] che non ha risposto alla lettera dell’Arca (1592 mar. 6)

sigillo di cera impresso

139. Lettera di fra Orazio Colombano da Verona ai presidenti dell’Arca per candidarsi come maestro di Cappella (1592 gen. 6 [ricevuta il 1592 apr. 14])

sigillo di cera impresso

140. «Littera reverendissimo generale [Francesco Bonfigli da Gualdo Tadino] per predicatore Alessandro Garone [Garoni]» per la quaresima, minuta, con annota-zioni del 1606 nov. 30 (1592 mag. 15)
141. «A dì 23 maggio 1592. Littera del reverendo padre Giovanni Battista [Granetini] da Bologna», sagrestano, ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario (1592 mag. 4 [ricevuta il 1592 mag. 23])

sigillo di cera impresso

142. Lettera di padre Orazio Colombano da Verona ai presidenti dell’Arca in cui accetta l’incarico di maestro di Cappella (1592 giu. 8 [ricevuta il 1592 giu. 13])

sigillo di cera impresso

143. Supplica di Alessandro, «livamantici dell’organo», ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di salario (1592 giu. 16)
144. Lettera di Francesco Bonfigli da Gualdo Tadino, ministro generale, ai presidenti dell’Arca per la nomina di padre Alessandro [Garone] come predicatore per la quaresima successiva (1592 giu. 17)

sigillo di cera impresso

145. Lettera di Paolo Zenoa dalla Croce a Giovanni Battista da Santasofia, presidente per l’invio di 200 ducati per la realizzazione di «cesendelli» (1592 lug. 4)

sigillo di cera impresso

146. «Scrittura del secretto esponente» (s.d.[ricevuta il 1592 lug. 23])
147. Lettera di Filippo Gesualdi da Castrovillari, ministro generale, al guardiano del Santo per un’elemosina offerta dai presidenti dell’Arca (1592 lug. 27)

sigillo di cera impresso

148. Supplica di fra Giacomo Ruberti ai presidenti dell’Arca per ottenere un aumento di stipendio (1592 ott. 20 [ricevuta il 1592 nov. 3])
149. Lettera di Antonio Negroni a un presidente dell’Arca per l’invio di una somma di denaro per terminare la realizzazione di alcune lampade [1592]

Credits

L’inventario in formato digitale è stato curato da Giorgetta Bonfiglio-Dosio, sulla scorta dell’edizione a stampa: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Giulia Foladore, Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio. Inventario, Padova, Centro studi antoniani, 2017, voll. 3 (Varia, 60)

Orari di apertura

INFORMIAMO CHE A SEGUITO DELL’EMERGENZA CORONAVIRUS L’ARCHIVIO RESTERA’ CHIUSO AL PUBBLICO FINO A NUOVA DISPOSIZIONE.

L’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è aperto solo su appuntamento con i seguenti orari:

Mercoledì ore 8:45-12:30 e 14:30-18:00
Giovedì ore 8:45-12:30

Per concordare una visita si prega di contattare la referente tramite l’apposito modulo
o direttamente tramite l’e-mail a:
archivio.arcadisantantonio@gmail.com