Chiudi
 Serie 01

Statuti 01


 

STATUTI

1396-1629, 1935

Unità archivistiche: reg. 1 + opuscolo a stampa 1

La serie è costituita per il periodo di antico regime da un’unica unità archivistica, di rilevante interesse, perché riunisce le disposizioni normative di provenienza interna ed esterna che regolavano la vita e il funzionamento dell’istituzione. Il registro contiene, oltre all’atto di fondazione dell’Arca, documenti pontifici, lettere dei dogi di Venezia, terminazioni dei podestà di Padova e delibere dei ministri generali dell’ordine. Il registro, frutto di una stratificazione progressiva di documenti, pienamente rispondente ai canoni giuridici dell’epoca, si è venuto componendo in parallelo con l’evoluzione istituzionale dell’ente produttore. L’Arca, grazie alla sua natura giuridica, non ha conosciuto cesure istituzionali in epoca napoleonica e ha continuato la sua attività, modificando solo la gestione archivistica in concomitanza con l’introduzione della registratura all’inizio dell’Ottocento. In epoca fascista l’Arca si è data un nuovo statuto, tuttora in vigore, conseguente alla convenzione tra la Santa Sede e il Governo italiano approvata con r.d. 23 giugno 1932, n. 868.

Inventario a stampa, p. 127-128.

1.1 (1) 1396 ***-1629 set. 17
«Liber statutorum», «Statuta Arce gloriosissimi confessoris sancti Antonii de Padua»
Reg. membr., mm. 280 x 190; coperta in piatti lignei ricoperti di cuoio marrone inciso con 2 borchie, 1 fermaglio di chiusura e traccia di 3 perduti
Contenente:

1) Statuti dell’Arca

cc. 1-10: «Statuta Arcae» (1396, 1471, 1477) e ducali di conferma di Cristoforo Moro (1471 apr. 30), Andrea Vendramin (1477 mar. 26), Francesco Foscari (1424 giu. 8)
2) Copiario di terminazioni di podestà, ducali, litterae solemnes pontificie:
c. 11: terminazione di Federico Corner, podestà di Padova (1480 mag. 24)

c. 12: terminazione di Leonardo Loredan, podestà di Padova (1487 giu. 9)

c. 12v-13: ducale di Agostino Barbarigo (1483 apr. 23)

cc. 13v-16v: 2 litterae solemnes di Sisto IV (1479 set. 20 tutte e due alla data); della prima l’originale è conservato in b. 7.1 (319), n. 3

cc. 17-18: 2 ducali di Leonardo Loredan (1503 giu. 23 e 1517 mag. 13)

cc. 18-19: integrazione di capitoli agli statuti di Giovanni Battista postumo da Lion, «aedilis et tesaurarius» dell’Arca (1517 ago. 1)

c. 19: ducale di Francesco Foscari (1424 giu. 9), in copia

c. 19v-20: delibera di Francesco Sansone [de Brixia], ministro generale dell’ordine francescano (1477 feb. 20)

cc. 20-21: 2 delibere di Antonio Sassolino, ministro generale dell’ordine francescano (1521 apr. 20 tutte e due alla data)

c. 21v: ducale di Girolamo Priuli (1560 set. 24)

c. 22: decreto di Antonio Ferra Planensis, ministro generale dell’ordine francescano (1582 set. 27)

c. 22v: supplica di [Antonio Ferra Planensis], ministro generale dell’ordine francescano, al doge (1582 set. 27)c. 23: supplica degli intervenientes dell’Arca al doge Nicolò da Ponte (1582 dic. 31)cc. 23v-24: ducale di Nicolò da Ponte in risposta alle due precedenti suppliche (1583 gen. 3)

c. 24: ducale di Giovanni Corner (1629 set. 17)

cc. 24v-25: supplica dei frati di Sant’Antonio (1628 lug. 6)

c. 25: «Scritura» dei frati del Santo (1629 gen. 3)

Credits

L’inventario in formato digitale è stato curato da Giorgetta Bonfiglio-Dosio, sulla scorta dell’edizione a stampa: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Giulia Foladore, Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio. Inventario, Padova, Centro studi antoniani, 2017, voll. 3 (Varia, 60)

Orari di apertura

L’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è aperto solo su appuntamento con i seguenti orari:

Mercoledì ore 8:30-12:30 e 14:30-18:30
Giovedì ore 8:30-12:30

Per concordare una visita si prega di contattare la referente tramite l’apposito modulo