Chiudi
 Serie 37

Progetti porte 01


 

PROGETTI PER LE PORTE IN BRONZO

1890-1895

Unità archivistiche: disegni 29

La serie è costituita da 29 disegni, dei quali 3 risultano attualmente irreperibili. Si tratta dei progetti, di autori diversi, per la realizzazione in bronzo delle 3 porte della facciata sul sagrato.

Nel 1890 in prossimità delle feste per il centenario antoniano del 1895, si avvertì la necessità di sostituire le vecchie porte lignee con nuovi portoni in bronzo. La Veneranda Arca contattò il fonditore veneziano Giuseppe Michieli affinché si occupasse di tale lavoro; egli inviò prontamente un primo preventivo e i suoi disegni. Tuttavia i progetti non convinsero completamente i committenti tanto che Michieli fu costretto a presentare a sue spese anche un modello plastico (37.2.1). Non essendo pienamente soddisfatti, nel marzo del 1891, i presidenti della Veneranda Arca, contattarono un allievo di Camillo Boito, l’ingegnere Eugenio Maestri (1834-1921), che presentò il proprio progetto (37.3.1). Data l’indecisione dei committenti, la locale Commissione conservatrice dei monumenti decise di intervenire incaricando lo scultore Luigi Ceccon e il pittore ritrattista Augusto Caratti di esaminare le proposte; ancora una volta non fu presa alcuna decisione: entrambi i progetti vennero giudicati «non esenti da mende». La Veneranda Arca nel tentativo di risolvere la questione, decise di sottoporre i lavori al giudizio dei cittadini padovani; Eugenio Maestri, indignato, si ritirò mentre il progetto di Michieli, dopo mesi di attese e dissertazioni, fu respinto. Probabilmente risalgono allo stesso periodo i disegni di Augusto Caimi (37.4.1) e di Barnaba Lava (37.5.1 e 37.5.2), mai presi in considerazione dalla committenza. Anche l’architetto Federico Berchet, conscio dell’importanza di questo intervento, presentò all’Arca i suoi progetti, alcuni dei quali realizzati in collaborazione con l’architetto friulano Domenico Rupolo (1861-1945). I progetti di Berchet e Rupolo ottennero la piena approvazione da parte della Veneranda Arca, che li sottopose alla Commissione conservatrice e alla Prefettura di Padova, da cui ricevette un netto rifiuto. La proposta avanzata da Camillo Boito nell’ottobre del 1893 invece incontrò i favori sia della committenza sia delle istituzioni padovane. La realizzazione della porta maggiore fu assegnata alla ditta Michieli a titolo di risarcimento per le spese sostenute per il primo progetto, mai realizzato; nel giugno del 1895 la porta fu messa in opera. La progettazione delle porte laterali venne affidata a Camillo Boito.

Il lavoro di inventariazione e studio sul materiale artistico dell’Arca condotto parallallemente al progetto di riordino e inventariazione della documentazione dell’archivio storico ha permesso di recuperare alcuni disegni, già noti all’attenzione degli studiosi, che si ritenevano perduti: si tratta dei due progetti firmati da Cattarin Giuseppe in qualità di disegnatore della fonderia Michieli (37.1.1 e 37.1.2), attualmente conservati presso la soffitta della Veneranda Arca e alcune tavole, tutte legate al progetto di Camillo Boito e del cantiere boitiano, già esposte nella mostra a lui dedicata nel 2000.

L’analisi della serie ha suggerito di articolarla in alcune sottoserie costituite raggruppando i disegni per autore:

  1. Giuseppe Cattarin (1-2)
  2. Giuseppe Michieli (1)
  3. Eugenio Maestri (1)
  4. Augusto Caimi (1)
  5. Barnaba Lava (1-2)
  6. Federico Berchet (1-12)
  7. Camillo Boito (1-10)

*Inventario a stampa, pp. 1741-1748.

 

Sottoserie 1: Giuseppe Cattarin

37.1.1 1890-1891
Progetto per la porta maggiore
Matita, china e acquarello su carta; cm 76 x 107Sul r: in basso a destra «Giuseppe Cattarin disegnatore della fonderia Michieli/ Venezia»
St. cons. Buono, qualche macchia
Allegati 1. «6/ porta settentrionale»; «21»; «progetto per la porta settentrionale in bronzo/ Fonderia Michieli, disegno Cattarin Giuseppe», c. sciolta
37.1.2 1890-1891
Progetto per la porta maggiore
Matita, china e acquarello su carta; cm 76 x 107

Sul r: in basso a sinistra «Cattarin Giuseppe disegnatore della fonderia Giuseppe Michieli/ Venezia»

St. cons. Buono, qualche macchia

Credits

L’inventario in formato digitale è stato curato da Giorgetta Bonfiglio-Dosio, sulla scorta dell’edizione a stampa: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Giulia Foladore, Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio. Inventario, Padova, Centro studi antoniani, 2017, voll. 3 (Varia, 60)

Orari di apertura

RIAPERTURA ARCHIVIO DELLA VENERANDA ARCA DI S. ANTONIO MERCOLEDì 1 SETTEMBRE SOLO SU APPUNTAMENTO CON GREEN PASS.

Si avvisano i signori Studiosi che, ai sensi del D.L. 23 luglio 2021, n. 105, recante “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche”, a partire dal 6 agosto 2021 l’accesso alla sala studio dell’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è consentito unicamente alle persone in possesso di certificazione verde COVID-19 (il cosiddetto GREEN PASS, che attesta una delle seguenti condizioni: aver fatto la vaccinazione anti COVID-19; essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore; essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi) in corso di validità e previa verifica dell’identità personale.
Le informazioni sulla procedura da seguire per ottenere il GREEN PASS sono disponibili sul sito www.dgc.gov.it.

L’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è aperto nel rispetto del protocollo di sicurezza ANTICOVID19 (MASCHERINA per tutto il tempo di permanenza in sala lettura e DISTANZA MINIMA DI M 1,5 dal personale), e solo su appuntamento con i seguenti orari:

Mercoledì  ore 9:00-12:30
Giovedì       ore 9:00-12:30

Per concordare una visita si prega di utilizzare l’apposito modulo o scrivere un’e-mail a:
archivio.arcadisantantonio@gmail.com