Chiudi
 Serie 06

Catastici 01


 

CATASTICI, NOTATORI E ALTRI MEZZI DI CORREDO

1405-1854

Unità archivistiche: regg. 23

La serie è costituita da 15 registri, membranacei e cartacei, che si possono definire mezzi di corredo coevi, e da 8 registri realizzati da Andrea Gloria nel 1854. In parte (n. 1-12) sono catastici o notatori nei quali sono trascritti integralmente instrumenti e atti di pubbliche autorità (terminazioni etc.), al fine di migliorarne la conservazione e agevolarne l’uso amministrativo. C’è inoltre un indice relativo a instrumenti (n. 13) e infine c’è il catastico dei processi predisposto da Pietro Saviolo nel 1653 (n. 14). I registri prodotti dall’intervento archivistico del Gloria risentono della temperie culturale del tempo in uso in ambito padovano: il Gloria infatti “registrò a protocollo” ex post le decisioni del collegio di presidenza dell’Arca, gli instrumenti e i processi, procedendo poi a una indicizzazione complessa. Tale materiale non è stato preso in considerazione dai precedenti strumenti descrittivi dell’archivio.

Si è deciso di riunire in questa serie tutti i mezzi di corredo dell’archivio di carattere generale, mentre si sono lasciati allegati all’unità archivistica cui si riferiscono gli “alfabeti” in quanto mezzi di corredo specifici.

In coda alla serie sono stati collocati tutti gli strumenti descrittivi predisposti da Andrea Gloria, anche se singolarmente si riferiscono a serie specifiche dell’archivio.

Inventario a stampa, p. 223-230.

6.1 (51) [1430? circa] con aggiunte fino al 1579
Liber iurium: copie di documenti dal 1405 giu. 16 al 1579 mag. 30

cc. 157-162v: «Sommario degl’istromenti precedenti»: elenco dei documenti contenenti data (anno), regesto e sunto, rinvio alla c.

cc. 177-186: «Tabulla», indice dei documenti elencati in ordine alfabetico con riferimento al negozio giuridico, con rinvio alla rispettiva c. [inizia alla lettera C]

Reg. membr.

Credits

L’inventario in formato digitale è stato curato da Giorgetta Bonfiglio-Dosio, sulla scorta dell’edizione a stampa: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Giulia Foladore, Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio. Inventario, Padova, Centro studi antoniani, 2017, voll. 3 (Varia, 60)

Orari di apertura

RIAPERTURA ARCHIVIO DELLA VENERANDA ARCA DI S. ANTONIO MERCOLEDì 1 SETTEMBRE SOLO SU APPUNTAMENTO CON GREEN PASS.

Si avvisano i signori Studiosi che, ai sensi del D.L. 23 luglio 2021, n. 105, recante “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche”, a partire dal 6 agosto 2021 l’accesso alla sala studio dell’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è consentito unicamente alle persone in possesso di certificazione verde COVID-19 (il cosiddetto GREEN PASS, che attesta una delle seguenti condizioni: aver fatto la vaccinazione anti COVID-19; essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore; essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi) in corso di validità e previa verifica dell’identità personale.
Le informazioni sulla procedura da seguire per ottenere il GREEN PASS sono disponibili sul sito www.dgc.gov.it.

L’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è aperto nel rispetto del protocollo di sicurezza ANTICOVID19 (MASCHERINA per tutto il tempo di permanenza in sala lettura e DISTANZA MINIMA DI M 1,5 dal personale), e solo su appuntamento con i seguenti orari:

Mercoledì  ore 9:00-12:30
Giovedì       ore 9:00-12:30

Per concordare una visita si prega di utilizzare l’apposito modulo o scrivere un’e-mail a:
archivio.arcadisantantonio@gmail.com