Chiudi
 Serie 46

Cappelle radiali santo stanislao 01


 

CAPPELLE RADIALI: CAPPELLA DI SANTO STANISLAO

1897-1898

Unità archivistiche: disegni 123

La serie consiste in 123 fra spolveri, studi, progetti e cartoni realizzati da Tadeusz Popiel: 2 per una cappella olandese mai realizzata e 121 per la decorazione della cappella di Santo Stanislao (o cappella polacca). Nel 1897 si resero disponibili i finanziamenti per la decorazione della cappella e nel mese di giugno fu pubblicato un bando rivolto esclusivamente ad artisti polacchi a cui affidare l’opera; padre Giovanni Warchał, confessore, penitenziere e ufficiante della cappella polacca, suggerì i nomi Bolesław Leszczyński di Posnania e Tadeusz Popiel di Leopoli, dei quali conosceva e apprezzava il lavoro e che furono invitati a partecipare. I progetti furono giudicati da Camillo Boito, in qualità di esperto, che assegnò l’incarico a Popiel. I lavori iniziarono il 14 marzo del 1899 e già al 7 ottobre dello stesso anno si poté effettuare il collaudo definitivo.

Il materiale inventariato documenta le diverse fasi di studio e di lavoro per quel cantiere. Proprio in base allo svolgimento delle fasi esecutive della decorazione, il materiale è stato riordinato e suddiviso in 9 sottoserie, pur mantenendo una numerazione unica e sequenziale delle unità documentali:

  1. Progetti a colori (46.1-46.5)
  2. Spolveri per santi e beate delle pareti laterali (46.6-46.13), inseriti in una b. cart. in occasione del presente riordino
  3. Spolveri per le lunette, le pareti e l’arcone di ingresso, ordinati per episodio (46.14-46.72): dal 14 al 58 inseriti in una b. cart. in occasione del presente riordino
  4. Studi di bambini in preghiera, mai realizzati (46.73-46.75), inseriti in una b. cart. in occasione del presente riordino
  5. Spolveri per motivi decorativi (46.76-46.105), inseriti in una b. cart. in occasione del presente riordino
  6. Studi per le decorazioni (46.106-46.111)
  7. Studi a colori di santi (46.112-46.115)
  8. Studi per stemmi e altre decorazioni (46.116-46.121), inseriti in una b. cart. in occasione del presente riordino
  9. Cartoni per le lunette (46.122-46.123)

Nella serie sono stati inseriti anche due allegati (46.7; 46.71): molto probabilmente, stampe utilizzate dal pittore polacco come riferimento iconografico per la realizzazione delle immagini di san Giosafat e della beata Cunegonda, trovati insieme al materiale relativo alla cappella polacca.

La datazione proposta per i disegni si è avvalsa, oltre che della bibliografia citata, anche del riscontro con alcune fonti contabili conservate nell’archivio dell’Arca.

*Inventario a stampa, pp. 1777-1798.

 

Progetti per la cappella olandese

46.1 1897-1898
Parete di fondo: santi non identificati
Matita, tempera ed oro su tela; cm 97 x 55
St. cons. Discreto, qualche vecchia piegatura ha determinato piccoli distacchi di colore

Credits

L’inventario in formato digitale è stato curato da Giorgetta Bonfiglio-Dosio, sulla scorta dell’edizione a stampa: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Giulia Foladore, Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio. Inventario, Padova, Centro studi antoniani, 2017, voll. 3 (Varia, 60)

Orari di apertura

RIAPERTURA ARCHIVIO DELLA VENERANDA ARCA DI S. ANTONIO MERCOLEDì 1 SETTEMBRE SOLO SU APPUNTAMENTO CON GREEN PASS.

Si avvisano i signori Studiosi che, ai sensi del D.L. 23 luglio 2021, n. 105, recante “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche”, a partire dal 6 agosto 2021 l’accesso alla sala studio dell’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è consentito unicamente alle persone in possesso di certificazione verde COVID-19 (il cosiddetto GREEN PASS, che attesta una delle seguenti condizioni: aver fatto la vaccinazione anti COVID-19; essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore; essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi) in corso di validità e previa verifica dell’identità personale.
Le informazioni sulla procedura da seguire per ottenere il GREEN PASS sono disponibili sul sito www.dgc.gov.it.

L’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è aperto nel rispetto del protocollo di sicurezza ANTICOVID19 (MASCHERINA per tutto il tempo di permanenza in sala lettura e DISTANZA MINIMA DI M 1,5 dal personale), e solo su appuntamento con i seguenti orari:

Mercoledì  ore 9:00-12:30
Giovedì       ore 9:00-12:30

Per concordare una visita si prega di utilizzare l’apposito modulo o scrivere un’e-mail a:
archivio.arcadisantantonio@gmail.com