Chiudi
 Serie 53

Cappelle radiali santa rosa 01


 

CAPPELLE RADIALI: CAPPELLA DI SANTA ROSA DA LIMA

1918-1924

Unità archivistiche: disegni 4

La serie è costituita da 3 progetti inediti e 1 bozzetto.

Per avere un quadro completo delle vicende decorative della cappella, bisogna prendere in considerazione anche i due progetti di Emanuele Toninello, marmista padovano, cui fu affidata, nel 1918, la realizzazione dell’altare per la cappella americana conservati nella serie 24 – Carteggio otto-novecentesco, fasc. 24.2273, n. 69 e 70. Tuttavia la Presidenza della Veneranda Arca rifiutò il suo progetto e qualche anno dopo, nel 1922, incaricò l’architetto padovano Massimiliano Ongaro di realizzarne uno nuovo (53.1). L’altare di Ongaro, ancora oggi conservato, avrebbe dovuto sostenere una statua lignea dell’Immacolata per la cui realizzazione, nel dicembre del 1923, fu contattato lo scultore Ferdinand Stuflesser. Inizialmente la Veneranda Arca chiese allo scultore un preventivo per una «statua artistica in legno di altezza da m 1,60 a m 1,80… un lavoro di carattere originale, non una statua di tipo commerciale», in seguito gli chiese di presentare alcuni bozzetti.

Non è chiaro quanti disegni furono inviati a Padova dallo scultore, ma certamente non gli furono mai restituiti, come lui più volte aveva chiesto, e come confermano anche i tre bozzetti, conservati nella serie 24 – Carteggio otto-novecentesco, fasc. 24.2315, n. 20, 21, 22. I progetti presentati da Stuflesser non piacquero all’Arca, che chiese allo scultore fotografie di altri lavori da lui realizzati e nuovi bozzetti. Non soddisfatti neppure dei nuovi disegni, a noi non pervenuti, i presidenti decisero di rivolgersi allo scultore udinese Aurelio Mistruzzi che presentò il bozzetto della Vergine, ancora oggi conservato (53.2). La scultura fu probabilmente eseguita, su disegno di Mistruzzi, dalla ditta Stuflesser di Ortisei e fu esposta al pubblico nel dicembre del 1928.

Si conservano altri due disegni (53.3 e 53.4) per la cappella americana, di Ludovico Seitz, realizzati su richiesta della Veneranda Arca. La decorazione pittorica prevista dall’artista, morto improvvisamente nel 1908, fu eseguita da Biagio Biagetti, allievo di Ludovico Seitz già dai tempi del cantiere di Loreto, che rispettò rigorosamente i progetti del maestro (1912-1915). La datazione proposta per i disegni si è avvalsa, oltre che di una serie di studi precedenti, anche del riscontro con alcune fonti contabili conservate nell’archivio dell’Arca.

*Inventario a stampa, pp. 2017-2018.

 

53.1 1923-1924
Progetto per l’altare: fianco, pianta, vista

Autore: Massimiliano Ongaro

Eliografia, stampa su carta, alcune tracce di matita; cm 59 x 99
St. cons. Abbastanza buono, macchie e piccole lacune che tuttavia non interessano la figura

Credits

L’inventario in formato digitale è stato curato da Giorgetta Bonfiglio-Dosio, sulla scorta dell’edizione a stampa: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Giulia Foladore, Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio. Inventario, Padova, Centro studi antoniani, 2017, voll. 3 (Varia, 60)

Orari di apertura

RIAPERTURA ARCHIVIO DELLA VENERANDA ARCA DI S. ANTONIO MERCOLEDì 1 SETTEMBRE SOLO SU APPUNTAMENTO CON GREEN PASS.

Si avvisano i signori Studiosi che, ai sensi del D.L. 23 luglio 2021, n. 105, recante “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche”, a partire dal 6 agosto 2021 l’accesso alla sala studio dell’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è consentito unicamente alle persone in possesso di certificazione verde COVID-19 (il cosiddetto GREEN PASS, che attesta una delle seguenti condizioni: aver fatto la vaccinazione anti COVID-19; essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore; essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi) in corso di validità e previa verifica dell’identità personale.
Le informazioni sulla procedura da seguire per ottenere il GREEN PASS sono disponibili sul sito www.dgc.gov.it.

L’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è aperto nel rispetto del protocollo di sicurezza ANTICOVID19 (MASCHERINA per tutto il tempo di permanenza in sala lettura e DISTANZA MINIMA DI M 1,5 dal personale), e solo su appuntamento con i seguenti orari:

Mercoledì  ore 9:00-12:30
Giovedì       ore 9:00-12:30

Per concordare una visita si prega di utilizzare l’apposito modulo o scrivere un’e-mail a:
archivio.arcadisantantonio@gmail.com