Chiudi
 Serie 51

Cappella del tesoro 01


 

CAPPELLE RADIALI: CAPPELLA DEL TESORO

1907-1914

Unità archivistiche: disegni 2

La serie è costituita da 2 disegni relativi alla cappella del Tesoro, un tempo dedicata alle stimmate di san Francesco, ampliata nel 1690 ad opera del genovese Filippo Parodi e destinata alla custodia delle reliquie di sant’Antonio e di altri santi, precedentemente conservate nella sagrestia della basilica.

Qualche secolo più tardi, nel 1901, la Veneranda Arca decise di proseguire i lavori di decorazione della cupola della cappella del Tesoro. La Presidenza si rivolse all’architetto Camillo Boito per decidere se fosse meglio «dipingerla a chiaroscuro od invece ornarla con stucchi»; l’architetto, in una lettera datata 4 aprile 1901, si espresse a favore della decorazione a stucco. La Veneranda Arca, dunque, si adoperò per reperire i fondi necessari all’esecuzione delle nuove decorazioni e invitò gli artisti locali a presentare i loro lavori. Nel 1907 presentarono il loro progetto sia i fratelli Ferruccio e Augusto Sanavio, in collaborazione con Carlo Bianchi, sia Pietro Novelli, tutti scultori padovani.

L’Arca, dopo aver visionato entrambi i progetti, giudicò quelli di Novelli non «corrispondenti all’importanza dell’opera» mentre prese in «considerazione quello presentato dallo scultore Sanavio» con il quale nel gennaio del 1910 stipulò il contratto. I lavori, finanziati in gran parte da Odette de Montesquion [Montesquiou], contessa di Gramont, si protrassero per circa due anni, dal 1912 al 1914. La finanziatrice è ricordata da un’iscrizione, posta sulla controfacciata della cappella, di cui si conserva un disegno anonimo (51.1).

Il secondo disegno, ovvero il bozzetto per l’altare della cappella, è invece opera del veneziano Giuseppe Longo, di cui non si hanno notizie precise, e al quale si deve anche la progettazione dell’altare della cappella dedicata a san Bonifacio.

*Inventario a stampa, pp. 2003-2004.

 

51.1 1912-1914
Studio dello stemma con motto «Gratia Dei sum id quod sum/ Stemma di famiglia della signora Odette de Montesquion   [Montesquiou], contessa Gramont D’Aster insigne benefattrice per la decorazione di questa cupola ad MCMXIII»

Autore: non identificabile

Matita e inchiostro su carta; cm 157 x 136
St. cons. Buono, foxing diffuso, manca l’angolo in alto a destra
51.1 1907 giu. 11
Bozzetto per l’altare

Autore: Giuseppe Longo

China e acquarello su carta in passepartout azzurro; cm 103 x 72
St. cons. Discreto, foxing diffuso, inumidimento dei margini

Credits

L’inventario in formato digitale è stato curato da Giorgetta Bonfiglio-Dosio, sulla scorta dell’edizione a stampa: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Giulia Foladore, Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio. Inventario, Padova, Centro studi antoniani, 2017, voll. 3 (Varia, 60)

Orari di apertura

RIAPERTURA ARCHIVIO DELLA VENERANDA ARCA DI S. ANTONIO MERCOLEDì 1 SETTEMBRE SOLO SU APPUNTAMENTO CON GREEN PASS.

Si avvisano i signori Studiosi che, ai sensi del D.L. 23 luglio 2021, n. 105, recante “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche”, a partire dal 6 agosto 2021 l’accesso alla sala studio dell’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è consentito unicamente alle persone in possesso di certificazione verde COVID-19 (il cosiddetto GREEN PASS, che attesta una delle seguenti condizioni: aver fatto la vaccinazione anti COVID-19; essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore; essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi) in corso di validità e previa verifica dell’identità personale.
Le informazioni sulla procedura da seguire per ottenere il GREEN PASS sono disponibili sul sito www.dgc.gov.it.

L’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è aperto nel rispetto del protocollo di sicurezza ANTICOVID19 (MASCHERINA per tutto il tempo di permanenza in sala lettura e DISTANZA MINIMA DI M 1,5 dal personale), e solo su appuntamento con i seguenti orari:

Mercoledì  ore 9:00-12:30
Giovedì       ore 9:00-12:30

Per concordare una visita si prega di utilizzare l’apposito modulo o scrivere un’e-mail a:
archivio.arcadisantantonio@gmail.com