Chiudi
 Serie 25

Bilanci preventivi 01


 

BILANCI PREVENTIVI

1837, 1852, 1874, 1879, 1881-1882, 1892-1914, 1916, 1918-1949 (anno di redazione)

Unità archivistiche: 62 fascc., attualmente conservati in 4 buste

La serie, molto lacunosa (mancano i documenti dei seguenti periodi: 1839-1851; 1853-1874; 1876-1879; 1881; 1884-1892; 1916; 1918), è costituita dai bilanci preventivi, di volta in volta approvati dalla Presidenza dell’Arca con delibera, il cui estratto è allegato a ciascun bilancio.

Le prime disposizioni relative alla predisposizione del bilancio preventivo risalgono al regolamento del 1898, anche se si trovano bilanci preventivi, sia pure con vistose lacune, a partire dal 1837.

Pure il successivo regolamento del 1920 prevedeva che entro gennaio di ciascun anno la Presidenza approvasse il bilancio preventivo, predisposto dal contabile.

Nel 1935 il contabile rag. Eugenio Reati, «pienamente convinto della necessità di dare nuova forma ai bilanci annuali della Veneranda Arca (bilancio preventivo e rendiconto) al fine di uniformarli alle disposizioni della convenzione 23 maggio 1932, intervenuta fra il regio Governo e la Santa Sede e alle più recenti norme di contabilità delle pubbliche aziende […]», propose di adottare una nuova forma per i bilanci preventivi e per i conti consuntivi. Dalla deliberazione, però, non si ricavano altre informazioni di carattere tecnico, salvo che la presidenza nominò una commissione di tre membri composta da due presidenti e un tecnico per decidere le nuove modalità per la tenuta della contabilità. Inoltre, in seguito a quanto stabilito dal concordato, l’Arca doveva inviare una copia del bilancio preventivo al Ministero dell’interno per l’approvazione, procedura seguita ancora oggi.

Il materiale è stato descritto busta per busta in modo analitico, stante l’assenza di strumenti descrittivi.

*Inventario a stampa,  pp. 1597-1603.

 

25.1 1837
«Preventivo per l’anno 1837-1838. N.B.: Tutti l’introiti che si trovano descritti nel presente sono stati registrati da 1° novembre 1837 a 1° marzo 1838»

fasc. cart. cucito

Credits

L’inventario in formato digitale è stato curato da Giorgetta Bonfiglio-Dosio, sulla scorta dell’edizione a stampa: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Giulia Foladore, Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio. Inventario, Padova, Centro studi antoniani, 2017, voll. 3 (Varia, 60)

Orari di apertura

RIAPERTURA ARCHIVIO DELLA VENERANDA ARCA DI S. ANTONIO MERCOLEDì 1 SETTEMBRE SOLO SU APPUNTAMENTO CON GREEN PASS.

Si avvisano i signori Studiosi che, ai sensi del D.L. 23 luglio 2021, n. 105, recante “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche”, a partire dal 6 agosto 2021 l’accesso alla sala studio dell’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è consentito unicamente alle persone in possesso di certificazione verde COVID-19 (il cosiddetto GREEN PASS, che attesta una delle seguenti condizioni: aver fatto la vaccinazione anti COVID-19; essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore; essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi) in corso di validità e previa verifica dell’identità personale.
Le informazioni sulla procedura da seguire per ottenere il GREEN PASS sono disponibili sul sito www.dgc.gov.it.

L’Archivio della Veneranda Arca di S. Antonio è aperto nel rispetto del protocollo di sicurezza ANTICOVID19 (MASCHERINA per tutto il tempo di permanenza in sala lettura e DISTANZA MINIMA DI M 1,5 dal personale), e solo su appuntamento con i seguenti orari:

Mercoledì  ore 9:00-12:30
Giovedì       ore 9:00-12:30

Per concordare una visita si prega di utilizzare l’apposito modulo o scrivere un’e-mail a:
archivio.arcadisantantonio@gmail.com